26 Ottobre 2021

Pubblicato il

Covid-19, l’olfatto dei cani può riconoscerlo prima di tamponi e sintomi

di Giulia Bertotto
Covid-19: lo studio mira a educare i cani a riconoscere il codice olfattivo del Sars-coV-2, grazie al mutamento di odore delle nostre molecole
cani Covid-19
Cane fiuta una traccia

Cani e Covid-19, lo studio francese. Ogni specie costruisce il suo habitat e lo esplora, per mezzo dei sensi. Struttura su di esso il proprio universo cognitivo, fatto di messaggi dall’ambiente, in base ai canali sensoriali più sviluppati. Per noi umani questo senso è certamente la vista, per i cani questo senso è l’olfatto. Il cane si orienta, si relaziona con i suoi simili, scopre il pericolo o si rassicura, mediante il suo naso. L’essere umano conta 5 milioni di recettori olfattivi, il cane 220 milioni, e il loro cervello ha un numero di cellule olfattive 40 volte superiore al nostro.

Cani e Covid-19: lo studio su Le Monde

È su queste abilità portentose che gli scienziati di Parigi, scrive Le Monde, stanno puntando, per riconoscere in anticipo rispetto a test e tamponi, ma anche ad eventuale sintomatologia, la presenza del Covid-19 in una persona. L’obiettivo della sperimentazione è quello di insegnare ai cani a riconoscere la traccia olfattiva che il Sars-coV-2 lascia nelle cellule umane quando infetta un individuo. Infatti le nostre cellule mutano odore in presenza di cosa mangiamo, di eventuali patologie, per la presenza appunto di virus.

I cani sono capaci di scovare molto prima dei nostri sistemi diagnostici alcuni tipi di cancro, diabete e Parkinson. Gli scienziati devono dunque isolare questo particolare codice odoroso e poi educare i cani a riconoscerlo. Il progetto viene portato avanti anche in Inghilterra e in Iran, dove è stato aperto un centro cinofilo proprio per questo scopo.

 
Vuoi la tua pubblicità qui?

Condividi questa notizia per primo

Scorri lateralmente questa lista

Seguici per rimanere aggiornato

Sostieni il nostro giornalismo