Vuoi la tua pubblicità qui?
30 Ottobre 2020

Pubblicato il

Sessualità nel lockdown

Coronavirus senza sesso, il magistrato: “Dopo 45 giorni è stato di necessità”

di Redazione

Le necessità di uscita può includere il desiderio affettivo e sessuale?

Bacio di Yves Pires

L’affermazione riguardo al fatto che il Coronavirus l’aveva lasciato senza sesso ha sorpreso tutti durante una diretta Instagram del cantante e conduttore Pupo. Infatti, il suo amico Lorenzo Delli Priscoli, di professione magistrato, ha risposto in modo inaspettato a una domanda di Pupo, il quale gli chiedeva se dopo 45 giorni di astinenza da lockdown non diventasse necessaria un’uscita per un incontro sessuale. Il magistrato ha risposto che anche se la difesa della salute pubblica è la priorità, la necessità sessuale deve essere presa in seria considerazione anche dalla legge e nei tribunali.

Vuoi la tua pubblicità qui?

Ha infatti detto: “Dopo 45 giorni fare l’amore fare l’amore diventa uno stato di necessità, ma se mi fermano le forze dell’ordine la sera, posso scrivere che mi sono spostato per ragioni affettive perché devo fare l’amore? Ecco, non so se me lo concedono…”. Chissà che la proposta di riflessione non diventi una concessione di diritto.

Vuoi la tua pubblicità qui?
Vuoi la tua pubblicità qui?
 
Vuoi la tua pubblicità qui?

Sostieni il nostro giornalismo


Nessun commento