Vuoi la tua pubblicità qui?
04 Dicembre 2022

Pubblicato il

Pedofilia in chat

Chat degli orrori, l’ombra di un adulto sulla diffusione delle immagini shock

di Morena Di Giulio
Spunta l'ipotesi che ci sia un adulto a muovere i fili delle immagini shock diffuse in chat dai minorenni
Tastiera da pc

«Si faceva fatica a guardare le chat, tanto l’orrore – spiega la dirigente della Polizia postale di Pescara, Elisabetta Narciso – Ci siamo chiesti come potesse aver fatto un ragazzino a diffondere immagini così crude senza avere difficoltà, senza paure o raccapriccio».

Una vera chat degli orrori, dove un gruppo di minorenni si scambiava Immagini di bambini abusati, violenze inaudite, persone e animali squartati, simboli nazisti e fascisti.

Al centro di una indagine della Polizia postale di Pescara un gruppo di giovanissimi con l’accusa (tra le altre) di diffusione di materiale pedopornografico: 7 indagati, di età compresa tra i 13 e i 15 anni, più altri 22 la cui posizione è ancora al vaglio della procura dei minori dell’Aquila.

Un gruppo di circa 700 utenti iscritti ai canali telegram, whatsapp, instagram, dove l’orrore circolava da più di un anno.

A scoperchiare il vaso di Pandora la denuncia di una mamma

È partito tutto dalla denuncia di un ragazzo di 13 anni. Il ragazzo ha mostrato a sua madre alcune delle foto scambiate in chat; la donna si è rivolta al Servizio emergenza infanzia 114 per denunciare quello che stava accadendo.

Ben 85.000 i messaggi che gli investigatori della polizia postale hanno analizzato, suddivisi in 5 diversi gruppi social.

Coinvolti nelle indagini i Centri operativi della Polizia postale di Puglia, Lazio, Lombardia e Campania. A far circolare video e foto pedopornografiche sono stati, al momento, due tredicenni abruzzesi, due di Roma, uno di Milano, un campano e una ragazzina pugliese.

La Postale sta ora valutando se esistano delle responsabilità tra i genitori: dalla complicità alla mancanza di controllo. E se, dietro questo macabro giro, ci possa essere la regia di un adulto.

La possibilità al vaglio degli inquirenti è che a guidare le perversioni dei minorenni o alimentare il perfido gioco al rilancio (pare ci fosse una specie di “gara” a chi postava foto più cruente)

«A volte – dicono gli investigatori – si assiste a una gara a chi posta l’immagine più sprezzante o truculenta, al fine di stupire, all’insegna dell’esagerazione». Se dovesse emergere la complicità o la condiscendenza dei genitori in queste chat sarebbe necessario interrogarsi su che società stiamo costruendo.

 

Condividi questa notizia per primo

Scorri lateralmente questa lista

Seguici per rimanere aggiornato

Sostieni il nostro giornalismo