Vuoi la tua pubblicità qui?
Vuoi la tua pubblicità qui?
24 Maggio 2022

Pubblicato il

Orrore nel bresciano

Charlotte Angie, pornostar uccisa e fatta a pezzi: confessa il vicino

di Redazione
La giovane donna uccisa si chiama Carol Maltesi, 25 anni, pornostar affermata e molto conosciuta nel mondo hard
Carol Maltesi pornostar uccisa

Pornostar uccisa a Borno, nel milanese, c’è un arresto. Gli agenti hanno fermato il presunto responsabile dell’omicidio della donna ritrovata cadavere a Borno una settimana fa. Il corpo è stato trovato il 21 marzo scorso in alcuni sacchi neri a Borno, nel bresciano.

La vittima è Carol Maltesi, aveva solo 25 anni

L’uomo, 43 anni, sarebbe un amico e vicino di casa della vittima, identificata come Carol Maltesi, 25 anni. La giovane vittima uccisa dal vicino di casa, in arte Charlotte Angie, è una pornostar nota nel mondo dell’hard. Avrebbe dunque confessato l’omicidio durante un interrogatorio nella notte ai carabinieri.

Carol Maltesi pornostar uccisa

Pornostar uccisa: confessa il vicino di casa

Il corpo della donna è stato tenuto in un congelatore per un paio di mesi, periodo in cui la ragazza era scomparsa, fatto a pezzi e poi gettato in un dirupo. Ed è in quel dirupo che le forze dell’ordine hanno trovato il corpo massacrato della giovane vittima.

Nei confronti dell’uomo, i carabinieri del Comando provinciale di Brescia e della Compagnia di Breno hanno eseguito alle 4:30 un provvedimento di fermo emesso dal pm di Brescia Lorena Ghibaudo. È accusato di omicidio volontario aggravato, distruzione e occultamento di cadavere.

I tatuaggi riconosciuti dagli ammiratori

Il corpo della vittima era sfregiato in volto e così deturpato che è stato possibile il riconoscimento solo tramite i tatuaggi.

Quando sono stati resi pubblici i dettagli sui numerosi tatuaggi presenti sul corpo della vittima, sono stati i suoi ammiratori a farsi avanti e a ipotizzare che il cadavere potesse essere quello di Charlotte Angie.

L’assassino ha sfigurato il volto con il fuoco, poi ha infierito sul corpo con un’accetta o altri strumenti da taglio e segatura per farlo a pezzi.

 

Condividi questa notizia per primo

Scorri lateralmente questa lista

Seguici per rimanere aggiornato

Sostieni il nostro giornalismo