20 Settembre 2021

Pubblicato il

Campo rom La Barbuta, 8 domande all’assessore Cutini

di Redazione
Al campo rom La Barbuta continua l'emergenza roghi tossici e discariche abusive

La Barbuta non è andata in vacanza. Anche ad agosto, infatti, il campo rom è stato protagonista di continui roghi tossici. Senza considerare i grandi incendi che hanno colpito la stessa area nel mese di luglio, lasciandosi dietro, oltre che dense nubi di fumo, anche gravissime e pesanti conseguenze.

Vuoi la tua pubblicità qui?

“Sono mesi che cittadini e istituzioni tentano di svegliare il Campidoglio su una realtà sociale tanto anarchica quanto impietosamente abbandonata al proprio destino. E’ ora che Marino e la sua maggioranza replichino con i fatti” – è la dura sentenza del consigliere regionale di Forza Italia Adriano Palozzi, il quale rivolge delle domande all’assessore alle Politiche Sociali di Roma Capitale, Rita Cutini.

Ecco quali.
“1) Perché non si è intervenuti in maniera programmatica contro roghi tossici e dolosi?
2) Quando verranno rimossi i rifiuti nel villaggio?
3) Quando un’indagine sullo stato di salubrità dei luoghi?
4) I residenti che delinquono vengono subito allontanati dall’insediamento?
5) E' vero che si sono verificati contrasti etnici tanto da indurre alcune famiglie a vivere in roulotte fuori al campo, piuttosto che nei moduli abitativi assegnati?
6) Perché si è deciso di rimuovere il controllo h24 nonostante gli incendi dei presidi di Risorse per Roma e Cri?
7) Quando sarà pronta la nuova pianificazione in materia Rom, ad oggi inesistente?
8) E’ giunta all’attenzione di Roma Capitale una proposta progettuale di un’Ati per la costruzione e la gestione di un nuovo campo in cambio del comodato gratuito del terreno di 300mila mq? Se sì, questo significherebbe demolizione e spostamento in area limitrofa dell’attuale villaggio, costato 10 mln di denaro pubblico?”

 
Vuoi la tua pubblicità qui?

Condividi questa notizia per primo

Scorri lateralmente questa lista

Seguici per rimanere aggiornato

Sostieni il nostro giornalismo