Vuoi la tua pubblicità qui?
26 Gennaio 2021

Pubblicato il

Calcio, a Manchester Argentina – Italia

di Redazione

Dopo la storica mancata qualificazione al Mondiale di Russia, gli Azzurri ripartono dai sudamericani

L’Italia del calcio riparte dal punto più basso della sua storia. Guarderemo il Mondiale Russia 2018 seduti sul divano, con una bella birra fresca in mano. A molti di noi non è mai capitato, se pensiamo che da oltre 60 anni l’Italia non ha mai mancato un appuntamento mondiale. Il nostro calcio, in un momento in cui le squadre di club stanno facendo bella figura in Europa (ricordiamo però che sono piene zeppe di stranieri) va totalmente rifondato.

Per questo, probabilmente, non basterà cambiare allenatore e qualche giocatore. Bisogna ristrutturare tutto il movimento fin dalle sue basi. Le giovanili devono avere un ruolo centrale, i ragazzi rappresentano il presente e il futuro.

Vuoi la tua pubblicità qui?

Stasera, all’Etihad Stadium di Manchester (ore 20:45), l’Italia torna in campo. Avversaria l’Argentina del vulcanico mister Sampaoli che in vista dei Mondiali in Russia schiera la cavalleria pesante: da Messi a Higuain passando per Di Maria la prova degli Azzurri sarà subito di livello.

Vuoi la tua pubblicità qui?

Di Biagio spera di guadagnarsi la conferma sulla panchina della Nazionale. Sarà impossibile per lui fare peggio di Ventura, ma la sua promozione non dipenderà sicuramente dal risultato di stasera, ma dalla capacità di fare gruppo, di avviare il cambiamento di cui il movimento ha bisogno. Senza Chiellini e Romagnoli, il commissario tecnico dovrebbe optare per la difesa a 4 con Bonucci e Ogbonna; a centrocampo spazio a Jorginho accanto a Verratti, mentre Insigne (escluso da Ventura con la Svezia), dovrebbe partire titolare.  Questa la probabile formazione scelta da Di Biagio:

Vuoi la tua pubblicità qui?

ITALIA (4-3-3): Buffon; Florenzi, Bonucci, Ogbonna, Spinazzola; Pellegrini, Jorginho, Verratti; Candreva, Immobile, Insigne.

 
Vuoi la tua pubblicità qui?

Sostieni il nostro giornalismo


Nessun commento