24 Giugno 2021

Pubblicato il

“Buonanotte madame”, il rapporto umano come cura

di Redazione

“Buonanotte madame” è il primo romanzo di Alessio Biondino e racconta della forza straordinaria di alcuni rapporti umani

Rosa è una signora di 64 anni malata di SLA, Sclerosi Laterale Amiotrofica. Dopo una lunga degenza ospedaliera, arriva finalmente il giorno in cui lei ed i presidi necessari alla sua complessa sopravvivenza (è stata da poco connessa ad un respiratore meccanico ed è anche nutrita artificialmente) vengono trasportati a domicilio dove ad attenderla trova Renato, l’anziano marito, ed Alessio, uno degli infermieri incaricati di assisterla con turni di 12 ore al giorno.

Dopo essersi conosciuti e dopo un fisiologico periodo di adattamento, Alessio e ‘madame’ Rosa costruiscono un’efficiente relazione d’aiuto, ma soprattutto un rapporto umano complice, divertente, solido… unico.

Lei è una donna forte, capricciosa, ostinata, molto femminile, con un’incontenibile voglia di vivere, di comandare e di resistere. Lui è un infermiere un po’ atipico, che produce metafore a non finire e che fa dell’umorismo una parte fondamentale del suo modo di aiutare.

Alessio e Rosa vivono insieme momenti difficili, bui. Affrontano situazioni d’urgenza, intoppi meccanici, problemi apparentemente insormontabili, paure e periodi di depressione. Ma raggiungono anche obiettivi all’inizio impensabili, facendo sì che Rosa riconquisti alcune ‘terre perdute’ come qualche bella fetta di autonomia, di benessere, di autorità e di ‘leadership’ all’interno della sua famiglia (a discapito di quel santo del marito); e, soprattutto, Alessio e Rosa stanno sempre a ridere.

Piangono dal ridere. Nonostante la patologia evolva. Nonostante ci sia bisogno di più ore di assistenza, ma non ci siano i fondi necessari per erogargliele. E nonostante anche le relazioni d’aiuto più lunghe, siano inevitabilmente destinate a finire…

‘Buonanotte, madame’ (0111 Edizioni) è il primo romanzo di Alessio Biondino, un infermiere romano con il vizio dello scrittore (in estate è prevista l’uscita di un altro suo libro), e racconta di un periodo importante della sua vita, che gli ha dato molto a livello umano e professionale. È infatti ispirato alla sua reale esperienza di infermiere domiciliare a contatto con malati di Sclerosi Laterale Amiotrofica, ma soprattutto è ispirato a lei… ‘Madame’ Rosa, la protagonista.

Il libro, acquistabile in libreria e su AMAZON, è stato letto e consigliato anche dalla signora Erminia Manfredi, moglie dell’indimenticato Nino; che lo ha presentato recentemente in un’apparizione nel programma “Storie Vere” di Rai Uno (VEDI).

 
Vuoi la tua pubblicità qui?

Condividi questa notizia per primo

Scorri lateralmente questa lista

Seguici per rimanere aggiornato

Sostieni il nostro giornalismo


Nessun commento