Vuoi la tua pubblicità qui?
29 Gennaio 2022

Pubblicato il

Bassetti gela tutti su Rete 4: “Omicron meno grave anche per non vaccinati”

di Redazione
Il direttore del san Martino di Genova rompe la tensione sulla variante Omicron, mentre il Governo si affanna in Super Green Pass esteso al lavoro
Matteo Bassetti
Matteo Bassetti

Matteo Bassetti, infettivologo e direttore della clinica Malattie Infettive del Policlinico San Martino di Genova, si esprime sulla variante Omicron e cala il gelo nello studio di Controcorrente, programma di approfondimento e dibattito sull’attualità su Rete 4.

Bassetti: Omicron effetti meno gravi anche su non vaccinati

Mentre il Governo si affanna in misure come super Green Pass esteso a tutti i lavoratori, il medico spiega come “Gli effetti della variante Omicron sono molto meno gravi non sono nei vaccinati spesso anche nei non vaccinati”.

Vuoi la tua pubblicità qui?

Infatti “La nuova variante è più contagiosa ma causa meno ricoveri ordinari e anche in terapia intensiva non solo perché ha fatto due dosi e booster, ma anche per chi non ha fatto nessuna dose di vaccino”.

“Per questo”, continua, “non possiamo affrontare la pandemia del 2022 con la regole del 2020; un conto è mettere in quarantena un soggetto non vaccinato che aveva una carica virale elevatissima. Oggi con una malattia che dura molto meno mi sembra che non mettere in quarantena i contatti e accorciare quella degli asintomatici sia una misura pragmatica, come quella anglosassone”. Per quanto riguarda la Dad per i bambini non vaccinati anche qui la posizione è chiara: “Farei come sempre fatto in passato: se un bambino è malato sta a casa 7 giorni, punto e fine”.

“La prossima primavera è probabile che avremo il 95% della popolazione e vaccinata o venuta a contatto con la variante Omicron che dunque avrà gli anticorpi. Allora non potremmo più dire alle persone che dovranno mettere la mascherina Ffp2 e non andare allo stadio”.

 
Vuoi la tua pubblicità qui?

Condividi questa notizia per primo

Scorri lateralmente questa lista

Seguici per rimanere aggiornato

Sostieni il nostro giornalismo