Vuoi la tua pubblicità qui?
02 Dicembre 2022

Pubblicato il

Automobilisti italiani, l’11,4% ancora non indossa la cintura di sicurezza

di Alice Capriotti
Secondo lo studio condotto da Anas e di CSA Research per gli italiani è sempre colpa degli altri conducenti visti come ostacoli
Automobilista furioso

Secondo lo studio commissionato da Anas (Gruppo FS Italiane) e condotto da CSA Research su un campione di oltre 3 mila persone, con 5 mila osservazioni dirette, lungo sei differenti tipologie di strade e autostrade. Tra queste troviamo il Raccordo autostradale «Torino Caselle» alla strada statale 51 di «Alemagna» in Veneto, dalla statale 3bis «Tiberina» tra Terni e Ravenna all’Aurelia, tra Roma e Livorno alla statale 16 «Adriatica» tra Bari e Otranto per finire con l’Autostrada del Mediterraneo, la Salerno-Reggio Calabria di una volta oggi A2.

I dati

Il primo risultato ottenuto è che i guidatori italiani siano molto indulgenti con sé stessi ma al tempo stesso sono pronti a puntare il dito contro gli altri. Inoltre, si registra una poca attenzione alla protezione dei bambini al seguito all’uso del telefonino.

Secondo il quotidiano La Stampa, la novità della ricerca è la percezione che gli italiani hanno degli altri conducenti, visti come potenziali ostacoli e protagonisti di comportamenti scorretti. A ciò influisce anche la conoscenza del Codice della Strada che risulta essere pari a 8, in una scala da 1 a 10, e dell’8,8 sull’uso delle frecce in caso di cambio corsia. Ma sono decisamente meno clementi nell’esprimere un giudizio sugli altri. Qui il consenso raggiungono consensi che vanno dal 5,1 circa relativo i limiti di velocità e al non uso del telefonino al 5,9 relativo alla non guida dopo aver bevuto alcolici o assunto sostanze. 

Ma quindi come si comportano sulle strade gli automobilisti italiani?

Oggi, in occasione della giornata mondiale in ricordo delle vittime della strada, presentata al convegno “Sicurezza stradale: obiettivo zero vittime” l’indagine conferma che l’infrazione più frequente riguarda il mancato uso delle frecce. Il 54,1% dei conducenti, infatti, non utilizza gli indicatori di segnalazione nella fase di sorpasso e nel 54% dei casi invece non la utilizza in fase di rientro dopo il sorpasso. Il 35,4% degli italiani al volante, invece, non segnala l’ingresso in strada da rampa di accesso, mentre il 19,5% non indica l’uscita. 

Viene anche mostrato come il 41,7% degli italiani non utilizzi i dispositivi di ritenuta per bambini sul lato anteriore della vettura, non rispettando il Codice della Strada. Questo dato però peggiora arrivando a raggiungere il 48,4% se ci si riferisce al sedile posteriore. Infine, si registra che il 10,3% dei conducenti usaimpropriamente il telefono cellulare mentre l’11,4% degli italiani non indossano la cintura di sicurezza, i numeri aumentano vertiginosamente raggiungendo il 75,7% per i passeggeri situati sul sedile posteriore

La ricerca ha monitorato, inoltre, oltre 357mila veicoli che nel 9,6% dei hanno superato il limite di velocità e nel 77,7% non hanno rispettato distanza minima di sicurezza. 

Le parole dell’amministratore Anas

L’amministratore delegato Aldo Isi ha spiegato infine: “Come Anas abbiamo davanti a noi l’obiettivo particolarmente sfidante di ridurre al 2030 del 50% le vittime di incidenti stradali per allineare l’Italia alle performance dei più avanzati paesi europei”.

 

Condividi questa notizia per primo

Scorri lateralmente questa lista

Seguici per rimanere aggiornato

Sostieni il nostro giornalismo