23 Ottobre 2021

Pubblicato il

Animalisti: Via carcasse cavalli da Galleria Nazionale

di Redazione
"Uno spettacolo a dir poco macabro, che ha urtato la sensibilità di moltissimi visitatori"

La onlus Animalisti italiani si scaglia contro l'artista belga Berlinde De Bruyckere e la sue opere "We are all Flesh" esposte a Roma, alla Galleria Nazionale d'Arte Moderna e Contemporanea dove è in corso la mostra "Time is out of joint", in cui delle carcasse di cavalli pendono da supporti appesi alle pareti. "Uno spettacolo a dir poco macabro, che ha urtato la sensibilità di moltissimi visitatori. Animalisti Italiani Onlus ha ricevuto numerose segnalazioni a questo proposito, e come associazione si sente ora in dovere di chiedere spiegazioni alla Galleria Nazionale", scrive la Onlus in una nota.

"Innanzitutto– sostiene Animalisti italiani – è necessario capire da dove provengono questi cavalli: qualora provenissero da macelli, riteniamo che la cosa andrebbe chiaramente indicata nella targa informativa delle opere, cosa che al momento non ci risulta stia avvenendo.

Chiediamo quindi una conferma ufficiale in proposito sia dal museo sia dalla stessa artista. In secondo luogo, è opportuno ricordare che l'articolo 16 del Regolamento del Comune di Roma sulla tutela degli animali, vieta espressamente l'utilizzo di animali per spettacoli pubblici di qualsiasi genere.

Questo il testo dell'articolo: ''Nelle more dell'approvazione di legge regionale, è vietata su tutto il territorio qualsiasi forma di spettacolo o di intrattenimento pubblico o privato effettuato con o senza scopo di lucro che contempli, in maniera totale o parziale, l'utilizzo di animali, sia appartenenti a specie domestiche che selvatiche. Il divieto di cui sopra si applica a fiere, mostre di animali, esposizioni, concorsi, sagre, manifestazioni itineranti, spettacoli in strada ad eccezione di quelle senza fine di lucro autorizzate previo parere dell'Ufficio competente per la tutela degli animali''.

Riteniamo quindi che l'esposizione di queste carcasse, oltre ad essere eticamente inopportuna, sia ampiamente discutibile anche dal punto di vista legale. Sollecitiamo quindi la Galleria Nazionale d'Arte Moderna e Contemporanea a fornire a tutti coloro che amano gli animali spiegazioni chiare su questi punti. Qualora ciò non avvenisse, siamo pronti a tutelare la sensibilità dei visitatori anche intraprendendo azioni legali.

Indipendentemente dalle questioni normative, poi, ci auguriamo che la dirigenza del museo possa prendere coscienza del fatto che mostrare cadaveri di animali non è arte, ma solo esposizione di crudeltà gratuita verso degli esseri viventi, la stessa crudeltà che si consuma quotidianamente nei mattatoi. Auspichiamo quindi che la Galleria Nazionale rimuova queste installazioni quanto prima".

 
Vuoi la tua pubblicità qui?

Condividi questa notizia per primo

Scorri lateralmente questa lista

Seguici per rimanere aggiornato

Sostieni il nostro giornalismo