Vuoi la tua pubblicità qui?
Vuoi la tua pubblicità qui?
16 Maggio 2022

Pubblicato il

Alemanno: “Marino ha regalato a Buzzi primo stipendio da sindaco”

di Redazione
L'ex sindaco di Roma a Radio Anch'io: "La logica di Orfini è puerile. Voti dalla 'Ndrangheta? Balle"

Si toglie alcuni sassolini dalle scarpe, Gianni Alemanno. Lo ha fatto alla trasmissione radiofonica Radio Anch'io, rilasciando dichiarazioni che inevitabilmente sono destinate a scatenare ulteriori discussioni. Per prima cosa, l'ex sindaco di Roma ha voluto precisare che "nessuno degli inquirenti pensa che io abbia preso voti dalla 'Ndrangheta o portato soldi in Argentina. Sono tutte balle".

Grande spazio nel corso dell'intervista è dedicato alla figura di Salvatore Buzzi: "Prima che iniziasse l'inchiesta di Mafia Capitale – attacca Alemanno – Buzzi appare come una persona integerrima, al punto che Ignazio Marino gli ha regalato il primo stipendio da sindaco". "Quello di Buzzi – prosegue l'ex sindaco della Capitale – è un lobbying molto pervasivo, nato ai tempi di Rutelli, cresciuto durante la giunta Veltroni e la mia, per arrivare fino a Marino. Personalmente non sapevo chi avesse coinvolto Buzzi, altrimenti non avrei attivato un contatto del genere".

Una stoccata è riservata anche a Matteo Orfini, presidente del Pd e commissario del suo partito a Roma: "La sua – dichiara Alemanno – è una logica puerile ma ci sono dei numeri incontestabili, i quali dicono che il 70% dei coinvolti è di sinistra". Ma come si esce da questa situazione? Per Alemanno la priorità è "salvare la politica, per fare in modo che si vada a nuove elezioni e venga eletto un sindaco dal popolo".

SEGUONO AGGIORNAMENTI

 

Condividi questa notizia per primo

Scorri lateralmente questa lista

Seguici per rimanere aggiornato

Sostieni il nostro giornalismo