06 Maggio 2021

Pubblicato il

Acqua alta a Venezia, il sindaco: “fate foto ai danni, sarete rimborsati”

di Giulia Bertotto

L'inondazione ha cinque precedenti così gravi, tre dei quali registrati solo negli ultimi vent'anni di fenomeni climatici estremi

La situazione a Venezia è sempre più preoccupante, l'acqua alta la sera di ieri, martedì 12 tra le 22.30-50 ha raggiunto livelli da record con 1,87 metri. Nella notte due persone hanno perso la vita; si tratta di un uomo di 78 anni fulminato all'isola di Pellestrina a causa di un corto circuito provocato dall'acqua che è entrata nella sua casa, e di un uomo trovato anch'esso deceduto in casa sua, stracolma di acqua. 

Ci sono stati black-out in diverse zone al Lido e in Campo Santa margherita, e l'acqua ha intaccato le colonne della basilica di San Marco. I pompieri hanno risposto a più di cento interventi nel corso della notte, e sono tuttora sono impegnati in tutta la città, mentre le scuole di ogni grado sono chiuse. Perfino il centro Maree è stato colpito, e non è contattabile perché le linee telefoniche sono interrotte

I danni in termini economici sono al momento difficili da calcolare perché la situazione è di caos generale e l'acqua non permette di osservare pavimenti e strade, ma sono sicuramente cifre altissime.

 

La marea che raggiunge l'interno della basilica conta solo cinque precedenti dal IX secolo. Ma il dato inquietante è che tre di queste inondazioni sono concentrate negli ultimi vent'anni. Quella in corso in questo momento è la più grave dopo la catastrofe del 1966, ci dice il Corriere

Maurizio Crovato, consigliere comunale di Venezia, ci informa che il sindaco ha chiesto a tutti i residenti di fotografare i danni subiti nelle loro abitazioni perché farà in modo che tutti coloro che hanno subito dei guasti per via della marea eccezionale vengano rimborsati. 

Nella foto Maurizio Crovato ci mostra i livelli drammatici di acqua alta questa mattina.

Maurizio Crovato

 Il sindaco Luigi Brugnaro chiede allora a cosa serva il MOSE, i lavori e il denaro pubblico speso per proteggere la laguna, mentre le previsioni meteo accennao miglioramenti solo da domani, per poi riprendere a piovere già da giovedì con una nuova perturbazione.

 
Vuoi la tua pubblicità qui?

Condividi questa notizia per primo

Scorri lateralmente questa lista

Seguici per rimanere aggiornato

Sostieni il nostro giornalismo


Nessun commento