17 Giugno 2021

Pubblicato il

Rovesci e facce della stessa medaglia

Webeti e tuttologi, la deriva da social della “democrazia diretta”

di Mirko Ciminiello

La pandemia ha esacerbato quella libido da Pico de Paperis già denunciata dai grandissimi Franco Battiato e Umberto Eco. E le reti sociali livellano il dibattito, però verso il basso

webeti e tuttologi
Tuttologi del Web

Webeti e tuttologi sono il rovescio della medaglia della cosiddetta “democrazia diretta” dell’era internettiana. Una deriva favorita ed enfatizzata dall’ormai inarrestabile dilagare di piattaforme come Facebook e Twitter. Che paradossalmente hanno reso le succitate categorie, in apparenza antitetiche, due facce della stessa medaglia.

Un mondo di webeti e tuttologi

«Tutti tuttologi col web / coca dei popoli / oppio dei poveri». Così cantava Francesco Gabbani in Occidentali’s Karma, il brano vincitore del Festival di Sanremo 2017.

francesco gabbani
Il cantante Francesco Gabbani

Tempi decisamente meno sospetti degli attuali, ma in cui già si palesava quella libido da Pico de Paperis che la pandemia avrebbe poi esacerbato. Come non ha mancato di evidenziare, con la consueta ironia, Federico Palmaroli, l’autore satirico de Le più belle frasi di Osho.

La tendenza in realtà ha radici molto più antiche, che affondano nel concreto pericolo che la tecnologia possa essere un’arma a doppio taglio. È certamente un bene che il sapere venga messo a disposizione di un vasto pubblico, ma non tutte le forme di conoscenza sono uguali. C’è un motivo se, per esempio, le riviste specializzate hanno stringenti criteri di pubblicazione, ed è la necessità di garantire i più alti standard qualitativi.

I social network, invece, sono l’equivalente della morte nella poesia ‘A livella del grandissimo Totò, nel senso che appiattiscono tutte le opinioni – però verso il basso. «Danno diritto di parola anche a legioni di imbecilli che prima parlavano solo al bar» denunciò qualche anno fa il filosofo e semiologo Umberto Eco. Aggiungendo che «ora questi imbecilli hanno lo stesso diritto di parola dei Premi Nobel».

webeti e tuttologi: umberto eco
Umberto Eco

Il punto centrale della questione

Sia chiaro, il punto centrale della questione non è certo che chiunque possa esternare pubblicamente i propri pareri su qualsivoglia tematica. Il problema nasce nel momento in cui si scambia per esperti personaggi che in realtà esprimono il nulla.

«Avere quindicimila persone che ti seguono e pendono dalle tue labbra è un pericolo. Non sei un vero maestro, non sei perfetto, non sei moralmente a posto» ammoniva trent’anni fa l’immenso Franco Battiato, quasi preconizzando l’odierno (e nefasto) fenomeno degli influencer. E sottolineando che un vero maestro «è legato a cose ben superiori e insegna solo l’emancipazione».

franco battiato
Franco Battiato

Webeti e tuttologi, infatti, possono anche coesistere all’interno di una stessa persona. Ed è questo il rischio più grande, perché il virus dell’ignoranza ha un Rt molto più alto di quello del Covid-19. Anche se fortunatamente contro di esso conosciamo da sempre un vaccino efficacissimo: la Cultura – con la “C” maiuscola.

 
Vuoi la tua pubblicità qui?

Condividi questa notizia per primo

Scorri lateralmente questa lista

Seguici per rimanere aggiornato

Sostieni il nostro giornalismo


Nessun commento