21 Giugno 2021

Pubblicato il

Violenza, il fenomeno colpisce oltre 6 milioni di donne

di Redazione

I dati dell'Istat: “6milioni e 788mila donne hanno subito nel corso della loro vita una qualche forma di violenza”

“Sono 6milioni e 788mila le donne che hanno subito nel corso della loro vita una qualche forma di violenza fisica o sessuale. Il 31% delle donne tra i 16 e i 70 anni: il 20,2% ha subito violenza fisica, il 21% violenza sessuale, il 5,4% forme più gravi di violenza come stupri (652mila donne) e tentati stupri (746mila)”. Questi i dati dell’Istat presentati oggi a Roma in occasione della conferenza ‘La violenza contro le donne dentro e fuori la famiglia’, nell’ambito della seconda edizione dell’indagine Multiscopo sulla ‘Sicurezza delle donne’, finanziata dal Dipartimento per le Pari Opportunità e realizzata dall’Istat per la prima volta già nel 2006.

Dall’indagine condotta tra maggio e dicembre 2014 l’Istat rileva che “negli ultimi 5 anni il numero di donne che ha subito una qualche forma di violenza fisica o sessuale ammonta a 2 milioni 435 mila, l’11,3% delle donne dai 16 ai 70. Quelle che hanno subito violenza fisica sono 1 milione 517 mila (il 7%), le vittime di violenza sessuale sono 1 milione 369 mila (il 6,4%), le donne che hanno subito stupri sono 246 mila (1,2%) di cui 136mila stupri (0,6%) e circa 163 mila tentati stupri (0,8%)”.

Nel confronto con gli anni precedenti si “colgono segnali di miglioramento – sottolinea Linda Laura Sabbadini, direttore del Dipartimento statistiche sociali e ambientali, presentando il rapporto. La coscienza femminile anche grazie ad una maggiore condanna della violenza da parte della legge sta crescendo e “intacca i livelli di violenza fisica, sessuale e psicologica. La violenza continua ad essere un fenomeno ampio, grave e diffuso, ma la situazione è in movimento e le donne stanno reagendo”.

“Il risultato fondamentale che emerge da questa indagine è che la violenza è un fenomeno ampio, diffuso e grave: un terzo delle donne ha subito violenza fisica o sessuale. Un quarto quella psicologica. Emergono però anche segnali positivi: il calo violenze fisiche, sessuali e psicologiche si registra soprattutto tra gli episodi meno gravi. Ciò vuol dire che – prosegue Linda Laura Sabbadini – le donne hanno una maggiore capacità di prevenirla appena si esprime, che a compierla siano ex partner, conoscenti o partner. Questo miglioramento deriva anche dal mutato clima sociale, che ora è spinto all’unanimità a condannare questi eventi”.

Prima della prima indagine del 2006 “non si parlava delle violenze in famiglia o da parte dell’ex partner. Le donne oggi si sentono meno sole e sanno reagire. Aumentano quelle che si rivolgono a forze dell’ordine o centri anti violenza, e sono anche più soddisfatte dei servizi offerti”.

Ci sono tuttavia anche segnali negativi. “Non è intaccato lo zoccolo duro: stupri, omicidi, violenze gravi. Aumentano poi le donne ferite o che non considerano gli abusi un fatto grave. La maggiore consapevolezza e capacità di reazione tra le giovani, se da un lato ci aiuta a prevenire, dall’altro sollecita comportamenti più violenti da parte dell’uomo”, sottolinea Sabbadini.

Stiamo, dunque, attraversando “una fase molto delicata di cambiamento che va colta da parte della politica e degli attori istituzionali e sociali sul territorio. Potenziare il lavoro di questa rete ci permette di auspicare una prospettiva di grande diminuzione della violenza”, conclude.

 
Vuoi la tua pubblicità qui?

Condividi questa notizia per primo

Scorri lateralmente questa lista

Seguici per rimanere aggiornato

Sostieni il nostro giornalismo


Nessun commento