18 Settembre 2021

Pubblicato il

Vigili al mercato di via Conti, sequestrati 4500 kg di merce

di Redazione
Intervenuti in gran numero hanno stroncato una situazione di illegalità formata a ridosso del mercato rionale regolare

In osservanza alle disposizioni antidegrado del commissario straordinario Francesco Paolo Tronca, stamattina la Polizia di Roma Capitale è intervenuta in modo massiccio per contrastare il degrado al mercato di Via Giovanni Conti, zona Nomentano / Val Melaina.

Vuoi la tua pubblicità qui?

I Vigili, intervenuti in forze dalle prime ore dell'alba, hanno stroncato sul nascere una situazione di illegalità che da tempo tende a formarsi a ridosso del mercato rionale regolare, che registra la presenza di numerosi venditori abusivi di varie nazionalità che espongono merce di incerta provenienza: prodotti alimentari (spesso scaduti), vestiti, elettronica, bigiotteria, scarti provenienti dai cassonetti dell'immondizia, ecc.

L'operazione, preceduta da appostamenti, ha visto impegnati numerosi Vigili del gruppo Nomentano coordinati dallo stesso dirigente, dott. Ugo Esposito, coadiuvati da personale del Commissariato Fidene e da Carabinieri della Stazione Nuovo Salario.

Al termine delle operazioni sono stati effettuati 10 sequestri amministrativi dei materiali illegalmente venduti (cinture, cravatte, bigiotteria, materiale informatico etc) e di ben 4500 kg di merce igienicamente non trattabile, immediatamente convogliata per distruzione tramite mezzi dell'Ama.

Tra i venditori sono state identificate 14 persone di etnia rom. Altra merce è stata rinvenuta in un autoveicolo parcheggiato sul posto, peraltro privo di assicurazione: il proprietario, italiano, è stato sanzionato ed il veicolo è stato posto sotto sequestro.

Sono stati inoltre sequestrati per distruzione 14 carrelli spesa e carrozzine, utilizzati dai venditori per il trasporto delle merci. Così in un comunicato la Polizia di Roma Capitale.

 
Vuoi la tua pubblicità qui?

Condividi questa notizia per primo

Scorri lateralmente questa lista

Seguici per rimanere aggiornato

Sostieni il nostro giornalismo