Vuoi la tua pubblicità qui?
25 Ottobre 2020

Pubblicato il

Ma occorrerebbe inviare una missione sul pianeta

Venere, nell’atmosfera un potenziale indizio della vita

di Mirko Ciminiello

Rilevato un gas, la fosfina, che sulla Terra è il prodotto di attività biologiche e può indicare la presenza di batteri. Intanto nei prossimi giorni saremo “sfiorati” da due asteroidi

venere
Venere

L’atmosfera di Venere potrebbe nascondere tracce di vita. È stata infatti rilevata una sostanza, la fosfina (PH3), che sulla Terra è il prodotto di un’attività di tipo biologico, antropica oppure microbica. Peraltro, si tratta di un gas piuttosto instabile, che in un ambiente come quello venusiano dovrebbe trasformarsi in molecole diverse. «Il fatto che persista per tanto tempo è un’ulteriore indicazione che c’è una sorgente di fosfina su Venere» ha commentato John Robert Brucato, astrobiologo dell’osservatorio INAF di Arcetri.

Vuoi la tua pubblicità qui?

Tracce di vita su Venere?

La scoperta, pubblicata sulla rivista Nature Astronomy, è opera di un team dell’Università gallese di Cardiff, coordinato dalla professoressa Jane S. Greaves. Naturalmente, nulla esclude che su Venere la fosfina possa essere il risultato di processi naturali, chimici o geologici, esclusivi di questo corpo celeste.

Bisogna infatti tener conto che il nostro “pianeta gemello”, simile alla Terra per dimensioni e per massa, è un luogo decisamente inospitale. L’atmosfera, costituita principalmente da CO2, è responsabile di un impressionante effetto serra che rende il nostro vicino il pianeta più caldo del sistema solare. La temperatura media è infatti pari a 464°C, più alta di quella di Mercurio, che pure è il corpo celeste più vicino al Sole. Inoltre, la pressione sulla superficie di Venere è pari a quella presente a un chilometro di profondità nell’oceano terrestre.

Vuoi la tua pubblicità qui?

Eppure, anche da noi «esistono batteri che vivono in condizioni estreme, in ambienti ad alta acidità, temperatura o in zone aride», ha continuato Brucato. Precisando però che «sostenere la presenza di vita solo su queste basi è troppo poco». Non si può dunque escludere nessuna ipotesi a priori, «ma bisognerebbe inviare una missione e analizzare direttamente» l’atmosfera venusiana.

Una è stata programmata dall’Agenzia spaziale russa Roscosmos, il cui Direttore Generale Dmitrij Rogozin ha affermato che Venere «è sempre stato un pianeta russo». I Sovietici sono infatti gli unici ad aver inviato sonde sul suolo venusiano. E, d’altronde, il sistema solare vanta già un pianeta rosso come Marte. Da qui a un pianeta russo è un attimo.

Visite dal cielo

Nel frattempo, la NASA ha comunicato che due asteroidi di dimensioni paragonabili alla Grande Piramide di Giza “sfioreranno” la Terra nei prossimi giorni. Ovviamente, il verbo va inteso in senso astronomico, cosa che ci fa stare abbastanza tranquilli.

Il primo asteroide, il più piccolo, dovrebbe infatti transitare il 25 settembre a una distanza di 6 milioni di chilometri dal nostro pianeta. Il secondo, invece, passerà il 29 settembre a 2,8 milioni di chilometri da noi. Per dare un’idea, però, la distanza media tra la Terra e la Luna è pari a circa 384mila chilometri.

Ha maggiori possibilità di entrare in collisione con il nostro pianeta un altro asteroide che ci farà visita il 2 novembre, alla vigilia delle Presidenziali Usa. In ogni caso, la percentuale di impatto è appena dello 0,41%, e comunque questo corpo celeste ha una massa molto piccola. Significa che, se anche entrasse nell’atmosfera terrestre, con tutta probabilità verrebbe disintegrato.

Vuoi la tua pubblicità qui?

Possiamo dunque continuare a dormire sonni tranquilli. Scenari alla Armageddon, alla Deep Impact o anche alla Guerra dei mondi sono infatti, fortunatamente, ben di là da venire.

 
Vuoi la tua pubblicità qui?

Sostieni il nostro giornalismo


Nessun commento