Vuoi la tua pubblicità qui?
03 Dicembre 2021

Pubblicato il

Omaggio a Baudelaire

Uffizi, un video per celebrare Charles Baudelaire e “Les Fleurs du Mail”

di Redazione
Le Gallerie rendono omaggio al grande poeta del Simbolismo per i 200 anni dalla nascita
baudelaire uffizi
Charles Baudelaire

Una poesia sulla natura ambigua e inebriante della bellezza, le forme flessuosamente modellate di un nudo femminile. È il video con cui venerdì 9 aprile le Gallerie degli Uffizi, sulla loro pagina Facebook, renderanno omaggio al grande poeta simbolista Charles Baudelaire, nell’anniversario della sua nascita, avvenuta a Parigi il 9 aprile di duecento anni fa.

“Les Fleurs du Mal”

E a ricordarla saranno i versi sublimi e tormentati dell’Inno alla Bellezza, tratto dalla raccolta ‘Les Fleurs du Mal’. Li interpreta in lingua originale Aurelie Filippetti, ex ministro francese alla Cultura, ora componente del cda degli Uffizi.

Vuoi la tua pubblicità qui?

In video, con il sottofondo di una musica per pianoforte e archi, scorreranno le immagini in bianco e nero della Figura femminile nuda in gesso (1910 circa) realizzata dallo scultore siciliano Domenico Trentacoste e accolta nella Galleria di Arte Moderna di Palazzo Pitti. Il corpo glorioso e tenero di una giovane donna, esposto in tutta la sua pericolosa fragilità. La clip verrà pubblicata, in forma abbreviata e senza sottotitoli, anche sul profilo Instagram del museo.

Disegni di Giulia Napoleone

Intanto, sempre domani (venerdì 9 aprile) sul Magazine online degli Uffizi uscirà un articolo dedicato ai disegni, custoditi nel Gabinetto Stampe della Galleria, dell’artista Giulia Napoleone per un’edizione del 1996 a tiratura limitata de Les Fleurs du Mal (Lorenzo Gherlandini, Les Fleurs du Mal di Giulia Napoleone. Omaggio a Baudelaire; link https://www.uffizi.it/magazine/omaggio-a- baudelaire). (Com/Dip/ Dire) 

Vuoi la tua pubblicità qui?
 
Vuoi la tua pubblicità qui?

Condividi questa notizia per primo

Scorri lateralmente questa lista

Seguici per rimanere aggiornato

Sostieni il nostro giornalismo