17 Giugno 2021

Pubblicato il

Tv: Ci stiamo abituando a vedere gli ospiti che maltrattano i conduttori

di Marco Vittiglio

Se si invitano nelle trasmissioni certi personaggi, si corre il rischio di esporsi a figure non gradevoli...

Anche per la televisione, il famoso detto ha lo stesso identico valore. Se si invitano nelle trasmissioni certi personaggi di cui si conosce il carattere e il comportamento, si corre il rischio di esporsi a figure non gradevoli, parliamo del caso di Live non è la D’Urso che nell'ultima puntata ha visto la conduttrice ribadire e rimarcare un’egemonia ormai non più salda come prima, almeno nei confronti di Vittorio Sgarbi che dopo averla apostrofata pesantemente le ha ribadito a chiare note che lui dal salotto della conduttrice, di andarsene non ne voleva proprio sapere. Analoga sorte, quella di Massimo Giletti che durante la puntata di Non è l' Arena ha visto il suo ospite Tony Colombo voltargli le spalle e andarsene dopo aver tenuto per tutta la sua permanenza in studio un atteggiamento irritante e strafottente, proprio nei confronti di chi lo ha voluto come ospite. Anche Signorini non è da meno, ha riposto fiducia estrema nei confronti di Antonella Elia, che ha apostrofato l'intera trasmissione e tutto il cast in maniera non proprio gradevole, per non parlare di Clizia Incorvaia, che nel corso del programma ha più volte gridato a chiare note nei confronti di un compagno della casa "Sei un Buscetta", pensando probabilmente di essere spiritosa o a voler dare dimostrazione di essere persona di esperienza navigata.

di Marco Vittiglio, giornalista e critico televisivo

L'Italia davanti alla tv: "Un Paese di tuttologi, tutti parlano di Coronavirus"

Dopo la D'Urso anche Mara Venier cita l'antipatica frase "Questa è casa mia"

 
Vuoi la tua pubblicità qui?

Condividi questa notizia per primo

Scorri lateralmente questa lista

Seguici per rimanere aggiornato

Sostieni il nostro giornalismo


Nessun commento