Trullo, 73enne aggredita alla fermata del bus da un gruppo di rom

2

Stava rincasando, quando un gruppo di 4 giovanissimi Rom, provenienti dai campi nomadi limitrofi di Magliana e Candoni, l’hanno aggredita e derubata nei pressi di una fermata del bus. Vittima dell’episodio, una donna di 73 anni. Un fatto che Valerio Garipoli, capogruppo di Fratelli d'Italia e presidente della Commissione Controllo, Garanzia e Trasparenza in Municipio XI, definisce “inaccettabile”.

“Ancor più inaccettabile – incalza Garipoli – è che tre dei quattro, a seguito degli accertamenti svolti sull’identità e sull’età, sono stati rilasciati e riconsegnati ai genitori in quanto minori non imputabili. È chiaro oramai che il percorso di tutela della Convenzione ONU sui Diritti dell’Infanzia e dell’Adolescenza, che le leggi nazionali prevedono, non basta per il percorso d’integrazione che risulta difficile e spesso fallisce generando invece attività illegali, accattonaggio e coinvolgimento dei minori in attività criminali nei nostri quartieri”.

A fronte di tutto questo, la richiesta è chiara: “Le Istituzioni locali che governano il Municipio XI raccolgano il grido d'allarme dei cittadini esasperati ed impauriti prima che tali allarmismi, privi di qualsiasi natura razzista, possano aumentare trasformandosi in azioni spontanee e prive di controllo.  

Nel ringraziare gli agenti del Commissariato di zona che in Via dell’Imbrecciato hanno individuato e fermato i giovani dopo il triste accaduto – continua Garipoli – ribadiamo con forza come Gruppo Consiliare d'Opposizione al presidente del Municipio Roma XI Maurizio Veloccia e al sindaco Marino la necessità di una stazione dei Carabinieri e di Polizia nel quartiere e la presa in considerazione di atti e azioni forti, come l'istituzione di una Commissione Speciale sulla Sicurezza chiesta a marzo dalle Opposizioni, che possano scongiurare in futuro tali episodi”.