Vuoi la tua pubblicità qui?
29 Novembre 2021

Pubblicato il

Le parole dell'attore

Tragedia sul set, parla Alec Baldwin: “Non ci sono parole per descrivere il mio shock”

di Lorenzo Villanetti
Parla l'attore dopo la tragedia sul set di Rust in cui è morta la direttrice della fotografia ed è rimasto gravemente ferito il regista
Alec Baldwin
Alec Baldwin

Sono arrivate le prime parole di Alec Baldwin, dopo la tragedia avvenuta sul set di Rust, in cui l’attore ha involontariamente fatto partire alcuni colpi con una pistola di scena, uccidendo la direttrice della fotografia Halyna Hutchins, e ferendo gravemente il regista Joel Souza.

Vuoi la tua pubblicità qui?

Le parole dell’attore

Attraverso il proprio profilo Twitter, Baldwin scrive: “Non ci sono parole per descrivere il mio shock e la mia tristezza per il tragico incidente. Sto cooperando con le indagini della polizia e sono in contatto con il marito di Halyna Hutchins“. Sul profilo della Hilaria and Alec Baldwin Foundation rivela anche: “Sto collaborando per capire come si sia verificata questa tragedia e sto offrendo il mio sostegno al marito e alla sua famiglia. Il mio cuore è a pezzi per il marito, il figlio e tutti coloro che conoscevano e amavano Halyna”.

Secondo alcuni media locali, Baldwin è stato visto in lacrime fuori dall’ufficio dello sceriffo di Santa Fe, il quale – come riportato anche da Tgom24 – ha dichiarato che l’attore “si è presentato spontaneamente e ha lasciato l’edificio dopo le deposizioni”.

La dinamica

L’incidente, secondo il portavoce di Baldwin, sarebbe da ricondurre al malfunzionamento di una prop gun, un’arma di scena con proiettili caricati a salve. L’ogiva non è in metallo, ma di carta, che si polverizza. Raramente può essere espulsa con l’arma che può diventare letale se si tratta di un colpo a bruciapelo. La polizia sta attualmente cercando il tipo di proiettile sparato e con quale modalità.

 
Vuoi la tua pubblicità qui?

Condividi questa notizia per primo

Scorri lateralmente questa lista

Seguici per rimanere aggiornato

Sostieni il nostro giornalismo