Vuoi la tua pubblicità qui?
29 Novembre 2021

Pubblicato il

Campanello d’allarme per il Governo

Terze dosi, no al booster da un immunizzato su 10: ecco perché

di Mirko Ciminiello
Per la psicologa Graffigna è colpa della frustrazione e della disillusione, ovvero (a monte) della pessima comunicazione sulla pandemia: tipo quella dell’immunologo Abrignani
vaccinazione anti-covid, super green pass
Vaccinazione anti-Covid

E, di colpo, per il Governo sulle terze dosi è scattato un campanello d’allarme: per ora piccolo, ma da non sottovalutare nella maniera più assoluta. Perché è indice di un disagio profondo che stavolta non riguarda i dubbiosi o i no vax, bensì gli immunizzati. E alla cui eziologia hanno contribuito anche le istituzioni, assieme ai loro manutengoli mediatici, incluse le cosiddette viro-star.

Lo scetticismo intorno alle terze dosi

Tra gli Italiani che hanno completato il ciclo vaccinale, uno su tre è scettico sull’ulteriore richiamo, e uno su dieci non ha proprio intenzione di farlo. Una statistica che potrebbe essere spiegata con un crescente senso di frustrazione. Questo, almeno, è ciò che pensa la psicologa Guendalina Graffigna che, intervistata da La Repubblica, ha puntato l’indice contro la (pessima) comunicazione sul SARS-CoV-2.

terze dosi, guendalina graffigna
La psicologa Guendalina Graffigna

«Ci era stata ventilata un’uscita immediata dalla pandemia qualora ci fossimo vaccinati. Questo sta effettivamente avvenendo, ma con qualche ritardo. È normale, i miracoli non esistono, ma sarebbe stato meglio chiarirlo fin dall’inizio». Anche perché «non è la prima volta che ci viene prospettata l’uscita dal tunnel. E troppe volte siamo stati disillusi».

Vuoi la tua pubblicità qui?
coronavirus in trappola
Coronavirus in trappola

A queste considerazioni si può aggiungere anche la confusione ingenerata dalle contraddizioni tra gli “esperti”, compresi gli stessi enti sanitari. Con l’Ema che ha dato il via libera al booster per gli over 18, laddove l’Oms auspica invece una moratoria internazionale delle terze dosi.

La pessima comunicazione sulla pandemia

Nemmeno la sovraesposizione di virologi et similia contribuisce a dissipare le perplessità, come dimostra la sconcertante dichiarazione rilasciata al Corsera dall’immunologo Sergio Abrignani, membro del Cts. Secondo cui la nuova iniezione potrebbe «innescare una memoria di lungo termine che consenta di fare altri richiami non prima di 5-10 anni». Ipotesi non suffragata da nessun dato e, oltretutto, scientificamente delirante, visto che tra un lustro e una decade c’è un abisso.

terze dosi, sergio abrignani
L’immunologo e membro del Cts Sergio Abrignani

Tanto per ribadire che politici, medici e rappresentanti dell’informazione spesso sembrano vivere sotto una campana di vetro – e di dimensioni globali. Come se, per esempio, per il 60% dei Francesi il “quarto potere” non desse un’importanza eccessiva al Covid-19, come riferivamo di recente.

À l'occasion des Assises du journalisme, organisées du 29 septembre au 1er octobre, à Tours, en partenariat avec France… Pubblicato da FRANCE 24 su Sabato 25 settembre 2021

A monte, infatti c’è sempre la narrazione mediatica unica che, con la sua libido per l’allarmismo, sta producendo un’esasperazione sempre più generalizzata. Un effetto collaterale, potrebbe dire qualcuno. O una risposta immunitaria.

 
Vuoi la tua pubblicità qui?

Condividi questa notizia per primo

Scorri lateralmente questa lista

Seguici per rimanere aggiornato

Sostieni il nostro giornalismo