13 Maggio 2021

Pubblicato il

Stati Uniti – Unione Europea, su Parmigiano e prosciutto sono dazi nostri…

di Mirko Ciminiello

Il WTO autorizza la mossa protezionistica degli Usa, che in Italia dovrebbe colpire soprattutto formaggi, prosciutto e liquori

Test per l’esame di giornalismo. Il candidato consideri i seguenti titoli e le seguenti dichiarazioni, tutti antecedenti il licet del WTO (World Trade Organization, l’Organizzazione Mondiale del Commercio) ai dazi americani per 7,5 miliardi di dollari su vari prodotti dell’Unione Europea:

a) «Non è facile intervenire a far pesare specifiche considerazioni, ma ce la metterò tutta» (Giuseppe Conte, 28/09).

b) Conte chiede uno sconto sui dazi. Pompeo: «Siete un alleato chiave» (corriere.it, 01/10).

c) Pompeo a Roma, Conte offre garanzie sul 5G ma chiede meno dazi (Il Sole 24 Ore, 01/10).

d) Conte vede Pompeo, Italia teme i dazi (ANSA, 01/10). L’articolo corrispondente recita: «L’Italia vuole schivare, o quantomeno ridurre al minimo, l’impatto della nuova ondata di dazi americani verso l’Ue: è questo il principale dossier che fa da sfondo alla visita a Roma del segretario di Stato americano Mike Pompeo».

e) «Difenderemo le nostre imprese, il made in Italy, le nostre eccellenze. Non faremo sconti» (Luigi Di Maio, 02/10).

Ciò posto, il candidato discuta il ruolo che potrebbe aver avuto, nella decisione degli Usa di stangare anche l’agroalimentare italiano (soprattutto, pare, formaggi, prosciutto e liquori), la gaffe – l’ennesima – di Giggino che, incontrando Mike Pompeo, lo ha testualmente chiamato «segretario Ross».

 
Vuoi la tua pubblicità qui?

Condividi questa notizia per primo

Scorri lateralmente questa lista

Seguici per rimanere aggiornato

Sostieni il nostro giornalismo


Nessun commento