16 Maggio 2021

Pubblicato il

Roma, sgomberata la sede di CasaPound al Flaminio

di Redazione

Le dichiarazioni del vicepresidente di CasaPound Italia Andrea Antonini

“La sezione del Blocco Studentesco e di CasaPound Italia di piazza Perin del Vaga, a Roma, è stata sgomberata questa mattina con un imponente schieramento di forze dell’ordine che hanno caricato i militanti accorsi per opporsi pacificamente allo sgombero”. Lo comunica Andrea Antonini, vicepresidente di CasaPound Italia.
 
“Occupata nel 2006, la sezione di piazza Perin del Vaga è uno spazio di 20 metri quadrati, senza bagno e senza luce, situato in una piazza in cui sono assegnati locali Ater di centinaia di metri quadri. Locali che, l’Ater stessa aveva chiarito, se non fossero stati utilizzati per esercizi commerciali sarebbe stata revocata l’assegnazione. E invece sono tutti sistematicamente chiusi senza che la cosa sembri costituire un problema. L’unico locale che si è ritenuto di dover sgomberare è il nostro, ovvero l’unico restituito al quartiere, che non ha mai dato un problema, in cui si facevano regolarmente attività di volontariato e cultura”.

Continua il vicepresidente di Cpi: “In una città in cui è da poco scoppiato lo scandalo affittopoli, che vede nella città di Roma 571 immobili con affitti bloccati da 15 anni, un’evasione annua di 8 milioni l’anno nonostante i canoni ridicoli, più 17,5 milioni di bollette non pagate, il problema del Comune di Roma è sgomberare una sede di CasaPound Italia che era diventata un centro di aggregazione e di solidarietà nel quartiere. In una città in cui rom e clandestini fanno dell’abusivismo e dell’illegalità una norma di vita, si preferisce sgomberare uno spazio in cui dei giovani italiani hanno prodotto per anni decine di attività nel campo del sociale. Una scelta emblematica – conclude Antonini – da cui ci sarà da trarre tutte le conseguenze politiche del caso”.

 
Vuoi la tua pubblicità qui?

Condividi questa notizia per primo

Scorri lateralmente questa lista

Seguici per rimanere aggiornato

Sostieni il nostro giornalismo


Nessun commento