07 Agosto 2020

Pubblicato il

La Roma di Sgarbi

Sgarbi sindaco di Roma? “No, ma farei Assessore alla Cultura. Raggi non esiste”

di Redazione

"Non c'è condizione più bella e privilegiata di quella dell'assessore alla Cultura. Non me lo chiederanno mai, ma se accadesse accetterei"

sgarbi sindaco di roma
Vittorio Sgarbi

Vittorio Sgarbi, deputato e critico d’arte ha concesso un’intervista all’Agenzia Dire, nell’ambito della rubrica Direzione Roma. Sgarbi sindaco di Roma, l’amministrazione di Virginia Raggi, la concezione unica dell’arte nella Capitale.

Virginia Raggi, un fantasma

Virginia Raggi? Quello che penso di lei l’ho pronunciato largamente finché Raggi era ancora ‘viva’. C’è stato un momento in cui è sembrata esistere, in senso profondamente negativo, fino allo scontro con il suo capo di Gabinetto. Rainieri l’ha ridotta all’angolo incrociandola in una serie di interventi di magistrati che l’hanno fatta diventare da sindaco ad imputato.

La sua assoluzione ha sentenziato che non era viva: chiunque sia vivo è responsabile di quello che fa. Lei è stata ritenuta non colpevole ma irresponsabile e da quel momento ho smesso di occuparmi di lei.

Mi sono occupato di lei fino a quando ha dato segni di esistenza, anche negativi ma che potevano essere criticati, ma davanti al nulla è inutile infierire ed insistere: Roma è senza amministrazione e non c’è una giunta Raggi.

C’è solo un fantasma che ha annaspato fino ad inciampare in alcune vicende giudiziarie”. Così il critico d’arte e deputato Vittorio Sgarbi, nel corso di un’intervista con l’agenzia Dire nell’ambito della rubrica DIREzione Roma.

“Raggi è inesistente mentre il Presidente dell’aula, espressione del suo stesso partito, è stato arrestato ed è decapitato”, ha aggiunto. “Il M5s stelle oggi versa in una condizione disperata sul piano nazionale e a Roma non perderebbe, bensì sparirebbe completamente. Con il 4% preso alle suppletive non esiste più”.

E’ più sindaco Raffaello della Raggi

 “Oggi il sindaco di Roma è Raffaello“, ha concluso Sgarbi riferendosi alla mostra in corso alle Scuderie del Quirinale. “Questa mostra porterà una tale quantità di persone in città che Roma tornerà ad essere quello che deve essere per la sua storia”, rivela il critico d’arte.

“Dal punto di vista della rappresentanza politica è più sindaco Raffaello della Raggi, perché vede quello che Roma dovrebbe essere. Mentre Raggi vede quello che Roma non dovrebbe essere. Roma deve essere la sua tradizione, la sua cultura e le sue antichità”, prosegue il deputato Sgarbi. 

“Di interventi da fare che indichino il primato del Foro o della Domus Aurea ce ne sono. Invece si è perso tempo con lo stadio della Roma e la negazione delle Olimpiadi.

Non si capisce perché si è dovuto non competere. Una serie di errori, uno dopo l’altro, per distrazione della sostanza di Roma”, chiude Vittorio Sgarbi sulla Raggi.

Non c’è condizione più bella e privilegiata dell’Assessore alla Cultura

“Non farei mai il sindaco di Roma. L’assessore alla Cultura invece si, è un ruolo che potrei accettare. Ha la responsabilità più alta di una città ma non quella materiale che riguarda la vita dei cittadini, come ad esempio per questioni come i rifiuti o la sanità.

Non c’è condizione più bella e privilegiata di quella dell’assessore alla Cultura. Non me lo chiederanno mai, ma se accadesse accetterei”. Così il critico d’arte e deputato Vittorio Sgarbi, nel corso di un’intervista con l’agenzia Dire nell’ambito della rubrica DIREzione Roma.

“Per ragioni di orgoglio e ambizione- ha aggiunto Sgarbi- quello del sindaco è un ruolo certamente rappresentativo. Uno lo farebbe per vanità. Ma visto che i problemi di Roma sono più grandi della mia vita e del tempo che potrei dedicare alla città non credo sia necessario impegnarsi in un’impresa simile.

Me lo hanno chiesto ed è bello sentirselo chiedere, ma è altrettanto bello poter dire che non è cosa che mi riguardi”. Da assessore, ha poi aggiunto Sgarbi in un’altra parte dell’intervista “farei una catena di mostre in dialogo con Londra, Parigi e New York.

O anche mostre di archeologia formidabili, con cose che non sono mai state viste. Il vero problema di Roma, poi, è quello di aprire i monumenti: penso alla basilica neopitagorica sotterranea che è chiusa. Ma ci sono una tale quantità di meraviglie sottratte”.(Zap/ Dire) 

 

Sostieni il nostro giornalismo


Nessun commento

Condividi