05 Maggio 2021

Pubblicato il

Un grande balzo per un Governo, un piccolo passo per i cittadini

Semi-aperture, il nuovo Dl non basta ma almeno va nella giusta direzione

di Mirko Ciminiello

Torna la zona gialla, confermati pass verde, spostamenti tra Regioni, consumi serali nei dehors, ma anche il coprifuoco. Luci e ombre delle Decreto anti-Covid del 26 aprile

semi-aperture
Semi-aperture

Non una ripartenza vera e propria, ma delle semi-aperture. È questa la ratio del nuovo Dl Covid appena approvato dal Consiglio dei Ministri, che sarà valido a partire dal prossimo 26 aprile. Frutto, come sempre, di un faticoso compromesso tra le diverse anime (e istanze) della maggioranza ecumenica che sostiene il Premier Mario Draghi. E che ha generato delle disposizioni che, se ancora non sono sufficienti, perlomeno vanno nella giusta direzione.

Il nuovo Dl Covid e le semi-aperture

Da aprìle ad àprile, in fondo, cambia solo la posizione dell’accento. Forse anche per questo si potrà presto iniziare ad assaporare quel «gusto del futuro» che il Presidente del Consiglio aveva evocato poco prima di Pasqua. Come ampiamente anticipato, infatti, il miglioramento del quadro epidemiologico e il lento avanzamento della campagna vaccinale consentiranno un primo allentamento delle restrizioni.

mario draghi annuncia la zona gialla rafforzata
Il Premier Mario Draghi

La prima conseguenza sarà il ritorno delle zone gialle (sia pure in tinta “rafforzata”), fin qui ostracizzate a tavolino. In questa fascia cromatica si potrà tornare al cinema e in teatro e sarà possibile ricominciare a fare sport all’aperto. Gli studenti potranno inoltre tornare a seguire le lezioni in presenza, e ripartiranno gli spostamenti tra Regioni con il “certificato verde”. Che indicherà l’avvenuta vaccinazione, la guarigione dal Covid-19 o un test antigenico rapido o molecolare con esito negativo.

vaccinazione covid giro spallanzani priorità vaccinale
Vaccinazione

Potranno riprendere anche le attività di ristorazione, inclusi i consumi serali limitatamente ai dehors – ed è qui che iniziano le dolenti note. Come infatti ha denunciato Lino Stoppani, presidente della Federazione Italiana dei Pubblici Esercizi, «il 46,6% dei bar e dei ristoranti italiani non è dotato di spazi all’aperto». Ma, soprattutto, a penalizzare gli esercenti c’è il coprifuoco alle 22, confermato malgrado il pressing degli enti locali.

Le dolenti note

I Governatori chiedevano almeno uno slittamento di un’ora, spalleggiati da Matteo Salvini, leader della Lega che sul provvedimento ha deciso di astenersi. Per contro, Ministri come il pentastellato Stefano Patuanelli (Politiche agricole) e l’azzurra Mariastella Gelmini (Affari regionali) insistevano sul mantenimento dello status quo, avendo «ascoltato il Cts». Che però ha fatto sapere di non essere mai stato consultato su questo specifico aspetto, che è di natura squisitamente politica. Non a caso è stato appena ripristinato il giallo…

matteo salvini
Il segretario della Lega Matteo Salvini

Alla fine, comunque, ha vinto ancora la linea chiusurista impersonata dal Ministro nomen omen della Salute Roberto Speranza, nonché da esperti come l’infettivologo Massimo Galli. Personaggi i cui pareri di solito sono utili per fare il contrario di quanto suggeriscono. Basti pensare che perfino Michele Emiliano, Presidente della Puglia ideologicamente affine all’inquilino di Lungotevere Ripa, ha voluto avvertire sui rischi di esplosione delle tensioni sociali.

semi-aperture: roberto speranza
Il Ministro della Salute Roberto Speranza

Nel caso specifico, però, il giudizio era condiviso da quello che forse è il membro più equilibrato del Governo, il sottosegretario alla Sanità Pierpaolo Sileri. Uno che si destreggia tra gli opposti estremismi, senza farsi problemi nel dire le cose come stanno. Per esempio, affermando che «le riaperture sono irreversibili», ma anche – appunto – che per ritardare il coprifuoco «aspetterei le prossime due settimane».

Il mio intervento su Sky TG24

È giusto procedere con le riaperture, ma con giudizio e in maniera progressiva. Per non vanificare i risultati sin qui conseguiti, grazie alle misure di contenimento adottate e all’avanzamento della campagna vaccinale, occorre trovare un bilanciamento tra prudenza e coraggio. In tal senso, il piano delle riaperture previsto a partire dal 26 aprile rappresenta un giusto compromesso. Purtroppo, non tutte le Regioni centreranno l’obiettivo di diventare gialle la prossima settimana, perché in diversi territori vi sono ancora in difficoltà in termini di pressione ospedaliera e tasso di diffusione del contagio.I 21 parametri continueranno a essere utilizzati proprio per consentire un monitoraggio costante e puntuale della situazione, ma col passare del tempo questa analisi migliorerà sempre di più perché le condizioni di diffusione del virus saranno estremamente limitate dalla progressione della vaccinazione. Sulla possibilità di estendere l’orario del coprifuoco alle 23, da medico, credo sia opportuno attendere ancora un paio di settimane per valutare i dati dopo le riaperture. Così come accaduto in altri Paesi, si assisterà inevitabilmente a un aumento del numero dei contagi ma se questi riguarderanno, com’è verosimile, soprattutto la fascia più giovane della popolazione, ciò non andrà a incidere in maniera negativa su alcuni parametri, come ad esempio il tasso di occupazione dei posti letto negli ospedali. Il mio intervento a "Start" su Sky TG24 Pubblicato da Pierpaolo Sileri su Mercoledì 21 aprile 2021

La perfetta sintesi di un Decreto anti-coronavirus che presenta dunque, come sempre, luci e ombre. Perché le semi-aperture saranno anche un grande balzo per l’esecutivo, ma sono ancora un piccolo passo per molti cittadini.

 
Vuoi la tua pubblicità qui?

Condividi questa notizia per primo

Scorri lateralmente questa lista

Seguici per rimanere aggiornato

Sostieni il nostro giornalismo


Nessun commento