06 Maggio 2021

Pubblicato il

“Se ti taglio ti infetto!”: minacce e aggressioni ad un tassista

di Redazione

Tre aggressioni ai danni di tassisti romani

L'ennesima aggressione e rapina avvenuta lo scorso 20 luglio a Roma ai danni di un tassista romano. Precisamente la terza in una settimana denunciata alle Forze dell'Ordine. E a quanto raccontato dalle vittime, il modo di agire dei malviventi è lo stesso. “Se ti taglio ti infetto!” – è stata la frase pronunciata in tutti e tre gli episodi.

“Ho ricevuto la chiamata alle 16.50 – racconta Daniele Masullo, tassista romano, la vittima della terza aggressione – Così sono andato a prendere il cliente in via dei Savorgnan 8, zona Tor Pignattara. Arrivato sul posto il cliente non è uscito dal civico indirizzato, ma mi è venuto incontro a piedi dalla strada. E' un trans altro circa 1,75 capelli ricci e legati dietro con una coda. Sembrerebbe colombiano con occhi un pochino fuori dalle orbite (occhi a palla) un po' butterato sul viso… Vestito con jeans scoloriti e maglietta nera con collo a V. Una volta salito in macchina il cliente mi ha chiesto di portarlo in via Casilina. Durante il tragitto mi indicava delle stradine poco frequentate e infine mi ha fatto ritornare nella via di partenza, solo al civico num. 88/89. A questo punto mi sono insospettito. Il “cliente“ dopo avermi chiesto quant'era la spesa del giro è salito sul sedile davanti ed ha allungato la mano per sfilare le chiavi dal cruscotto. Ho cercato di fermarlo e a questo punto lui ha tirato fuori il coltello e puntandomelo sul collo ripeteva in continuazione: “Se ti taglio ti infetto!”. Io, però, non ha perso la lucidità e reagendo di scatto sono riuscito a disarmare il rapinatore e buttare il coltello fuori della macchina".

“C'era anche un signore nelle vicinanze che ha assistito a tutta la scena. Ho gridato, ho chiesto 'aiuto, ma lui ha fatto finta di nulla e se ne andato con il proprio cane” – aggiunge il tassista.

Pensando al possibile secondo attacco dell'aggressore Daniele è uscito dal suo taxi per recuperare il coltello che si trovava a pochi metri di distanza. A tal punto si sono trovati passare vicino alla autovettura due bambini con la loro mamma e per non spaventarli ha rinunciato a rincorrere il suo aggressore che, nel frattempo, approfittando della confusione è riuscito ad aprire il portaoggetti e rubare il portafogli. “C'erano 270 euro di cui 120 dedicati alla beneficenza per l'associazione Taxi Roma Capitale. Ed è quello che mi dispiace di più”- conclude il suo racconto Daniele.

A tutti i tassisti vittime sono arrivati i messaggi di sostegno da parte dei colleghi, sindacati e gli stessi clienti. Ma come sempre anche in questa occasione quello che manca sono le istituzioni che dovrebbero garantire la sicurezza per svolgere un servizio pubblico.

 
Vuoi la tua pubblicità qui?

Condividi questa notizia per primo

Scorri lateralmente questa lista

Seguici per rimanere aggiornato

Sostieni il nostro giornalismo


Nessun commento