Vuoi la tua pubblicità qui?
Vuoi la tua pubblicità qui?
21 Maggio 2022

Pubblicato il

Se mi dai l’amicizia, ti rubo in casa!

di Redazione
Una banda di ladri agiva tramite Facebook per pianificare i furti

Nell’era digitale, nemmeno più i ladri sono gli stessi.
Ora, per rubare in casa, si chiede l’amicizia su Facebook.

Così, infatti, faceva la banda sgominata a Roma: due giovani minorenni della 'Roma Bene' adescavano le vittime su Facebook che, in modo del tutto ingenuo e (diciamolo) sconsiderato, accettavano l’appuntamento con questi sconosciuti a casa loro.
Una volta accordato l’incontro, la banda organizzava il furto e le case delle vittime venivano svaligiate.

La dinamica più o meno era sempre la stessa: una delle due ragazze minorenni fingeva di lasciare l’appartamento. Poi l’altra, rimasta sola con la vittima, la convinceva a fare una passeggiata, lasciando la casa libera. Quindi i complici provvedevano al furto.

Un piano quasi diabolico che, però, ha dovuto fare i conti con la stessa trappola che la banda utilizzava per individuare i destinatari dei furti.
Dopo ogni colpo, infatti, su Facebook venivano postate le foto della refurtiva.
C’è chi si 'tagga' per dire che si trova al mare, e chi lo fa per vantarsi della refurtiva sottratta.

Altri furti sono stati rivolti anche a negozi, bar tabacchi, e perfino agli uffici del Comune di Mentana.

I malviventi sono stati intercettati a Roma dai Carabinieri del Nucleo Radiomobile che, questa mattina all’alba, hanno effettuato un blitz per incastrarli.
Per ora, sono 6 le persone arrestate e 7 le denunce.
La posizione delle due ragazze è ora al vaglio del Tribunale per i minori.

 

Condividi questa notizia per primo

Scorri lateralmente questa lista

Seguici per rimanere aggiornato

Sostieni il nostro giornalismo