Vuoi la tua pubblicità qui?
14 Agosto 2020

Pubblicato il

Scuola: il surreale banco a rotelle dentro istituti pericolanti e con amianto

di Antonio Guidi

Banco a rotelle: la scuola è uno dei momenti di socializzazione, confronto, crescita, plasticità dell'io, insostituibile. Si sta dimenticando?

Banco a rotelle
Banco a rotelle

Banco a rotelle per riaprire le classi. In maniera inaspettata e dopo tutto questo caos sanitario e politico, si riparla in maniera prepotente e in qualche modo surreale di un oggetto che fa parte della scuola in maniera sostanziale ma che tendenzialmente non si nomina mai: il banco. Il banco di scuola è stato l’arredo per anni assente dalla mia vita perché pur essendo in grado di seguire i programmi scolastici dl punto di vista cognitivo, per tantissimi anni mi è stata negata.

Vuoi la tua pubblicità qui?

Dal mio banco personale alla Montessori

Mi era negata perché i direttori e presidi dicevano che avrei spaventato gli altri bambini. Era il periodo post bellico degli anni ’50 e ’60 nel quale forse ancora la diversità non era accettata. Credo sia stato un modo per evitare una piccola responsabilità in più. I miei genitori mi hanno comprato un enorme banco celeste di legno che troneggiava nell’anticucina della mia casa. Per anni ho odiato questo simbolo del distanziamento fisico e sociali dagli altri alunni…distanziamento quello vero.

Lo torturavo con trapani e martelli. Poi da psichiatra infantile ho visto migliaia di bimbi sui banchi: la loro disposizione, la postura, il gruppo classe, emarginazioni, l’orribile banco distaccato per i disabili. Emblema della mancata integrazione anche se materialmente presente.

Il banco era presente anche quando sono diventato presidente dell’Istituto di Ricerca Pubblico di Medicina Sociale. La storia di questo istituo vedeva i disegni e architettura dell’ammanco per la più grande pedagogista italiana, Maria Montessori.

Maria Montessori ha rinnovato l’educazione e la mente di tanti insegnanti, dando valore alle competenze emotive e sociali. Lei chiese all’istituto di medicina sociale di progettare un banco.

Il banco a rotelle

I questo periodo così difficile per la società, economia e scuola il banco è al centro del dibattito. In modo davvero surreale, ripeto. Invece di rimettere mano a soffitti che cadono, istituti non anti sismici, fatiscenti e pericolanti, pieni di amianto, insegnanti che mancano, c’è questa attenzione morbosa sul banco. Mancano migliaia di insegnanti di sostegno e ci si inventa di far insegnare coloro che non hanno nemmeno terminato il loro percorso di studi e preparazione. La Azzolina in tutto ciò tira fuori la proposta di banchi a rotelle. Questa assurda proposta è diventata un impegno di governo. Credo ci siano rotelle che davvero non girano per il verso giusto.

La scuola è un momento fondamentale per le nostre piccole persone del futuro, con la loro sensibilità e plasticità e hanno bisogno di stare insieme. Soprattutto le nuove generazioni che hanno spesso famiglie mononucleari, che non giocano nei parchi, sui marciapiedi, nelle piazze. La scuola è uno dei momenti di istruzione, ma soprattutto di socializzazione, confronto, crescita, plasticità dell’io, insostituibile. Il programma di crescere insieme la scuola sembra averlo dimenticato.

 
Vuoi la tua pubblicità qui?

Sostieni il nostro giornalismo


Nessun commento