30 Luglio 2021

Pubblicato il

Sciopero selvaggio, caos alla Metro A

di Redazione

Corse rallentate già prima delle 8.30. Spintoni e ressa nelle fermate di Vittorio Emanuele e Termini

Come preannunciato da questa mattina è in vigore lo sciopero dei trasporti, inizialmente previsto per il 5 febbraio scorso e poi rinviato a causa del maltempo, che è stato organizzato dalle maggiori e più importanti sigle sindacali quali Filt, Fit, Ultratrasporti, Ugl, Fna, Faisa-Sisal.

NON RISPETTATE LE FASCE DI GARANZIA Quello che non era previsto, tuttavia, è che i poveri pendolari (a rimetterci sono sempre loro) dovessero pagare lo scotto dello sciopero anche nelle consuete fasce di garanzia (dalle 8.30 e dalle 17.30 alle 20.00).

Vuoi la tua pubblicità qui?

RESSA A TERMINI E V. EMANUELE Già dalle 8.10 infatti le linee della Metro A erano fortemente rallentate: un mezzo ogni cinque minuti! A Roma in un'ora di punta è un'eternità. Tanto è vero che a Termini già alle 8 era praticamente impossibile scendere le scale mobili per andare a prendere la Metro.

Così sia a Termini che alla fermata di Vittorio Emanuele sono andate in scena risse verbali e non solo per accaparrarsi un posto nel viaggio infernale della Metro A.

E SE SCIOPERASSERO ANCHE I PENDOLARI? La domanda sorge spontanea. Lo sciopero di oggi è stato indetto a sostegno delle contrattazioni relative agli incontri per il rinnovo del Contratto Collettivo Nazionale di Lavoro, scaduto da oltre sei anni e da allora mai rinnovato a causa del disaccordo tra sindacati e associazioni datoriali. Visto che è passato più di un lustro e con la tecnica dello sciopero (a volte anche selvaggio) le cose non sono mai cambiate. E' forse il caso di cambiare modus operandi? E se anche i pendolari, ormai stufi di questi continui disservizi, decidessero di scioperare?

 

 
Vuoi la tua pubblicità qui?

Condividi questa notizia per primo

Scorri lateralmente questa lista

Seguici per rimanere aggiornato

Sostieni il nostro giornalismo


Nessun commento