Vuoi la tua pubblicità qui?
22 Settembre 2020

Pubblicato il

Sciopero Ama a Roma, Critiche alla Giunta Raggi

di Redazione

Le opposizioni di destra e di sinistra attaccano l'amministrazione comunale M5S per la gestione della municipalizzata. Bordoni (Forza Italia): 70% di adesioni allo sciopero

Prosegue lo sciopero in Ama indetto per oggi da Cgil, Cisl e Uil. Sulla situazione della municipalizzata molti esponenti politici hanno criticato l'attuale Giunta comunale guidata da Virginia Raggi.

Vuoi la tua pubblicità qui?

"I 5 Stelle battano un colpo su ama prima che la situazione diventi irrecuperabile oppure spieghino i reali motivi che si nascondono dietro il loro assurdo comportamento", dichiarano gli esponenti di Fdi Andrea De Priamo, Lavinia Mennuni e Fabrizio Ghera.

Svetlana Celli, capogruppo in Campidoglio della lista civica Roma Torna Roma, attacca la prima cittadina: "Il successo delle adesioni allo sciopero di oggi dei lavoratori Ama deve essere un campanello di allarme per la Giunta Raggi. Se la Sindaca dimentica le aziende capitoline e le costringe a un futuro incerto, si mettono a rischio pesantemente i destini dei lavoratori e i servizi alla città".

Critico anche il coordinatore di Italia in Comune di Roma e Area metropolitana Dario Nanni: "Sullo sciopero dei dipendenti Ama l'amministrazione M5S ha responsabilità pesanti. A che gioco state giocando? La logica irresponsabile della giunta Raggi aggrava l'emergenza rifiuti e attacca i lavoratori". 

Davide Bordoni, capogruppo di Forza Italia in Aula Giulio Cesare parla di "uno sciopero che ha raccolto il 70% di adesioni e che poteva essere evitato se la sindaca Raggi e la sua giunta lavorassero per il bene di Roma".

"La disastrosa gestione M5S delle aziende capitoline è la dimostrazione dell'impreparazione a governare una città complessa come Roma", afferma la consigliera comunale del Pd Valeria Baglio.

 

Leggi anche:

Roma, Lunedì 5 novembre Sciopero 24 ore lavoratori Ama. Rischio stipendi

Roma, Rifiuti, Lunedì 5 sciopero Ama; garantiti servizi minimi

 
Vuoi la tua pubblicità qui?

Sostieni il nostro giornalismo


Nessun commento