Vuoi la tua pubblicità qui?
10 Agosto 2022

Pubblicato il

Scioperi e manifestazioni del mese di luglio, tutte le info

di Simone Fabi
Tutte le informazioni sugli scioperi, proteste e manifestazioni, che si svolgeranno nel mese di luglio in tutta Italia
Due autobus fermi a una fermata

Sarà un luglio movimentato. Almeno per quel che riguarda gli scioperi. Diverse, infatti, le giornate caratterizzate da astensioni nei prossimi giorni, dal settore privato a quello pubblico, a livello regionale e nazionale.

Due autobus fermi a una fermata
Sciopero dei lavoratori del settore dei trasporti

Il settore trasporti

Partiamo dal settore trasporti. Nei giorni 5 e 6 luglio, i primi a non garantire regolare servizio saranno i lavoratori del servizio Taxi. Fast-Confsal, Confartigianato Taxi, Satam, Tam, Usb-Taxi, Unica Filt-Cgil, Uiltrasporti, CNA Fita Taxi, CLAAI, Legacoop Produzione e Servizi, Uritaxi, Uti, Unimpresa, Orsa Trasporti, Casartigiani, Fit-Cisl e Ugl, sono le associazioni di categoria che protesteranno contro il ddl concorrenza e le relative norme che mirano alla liberalizzazione del settore.

Al nord

Insieme a loro, il 5 luglio dalle 18:00 alle 22:00 sciopereranno i lavoratori della Gtt, l’azienda concessionaria del servizio di trasporto pubblico locale nel territorio torinese; mentre dalle 03:00 del 10 luglio alle 02:00 dell’11 luglio potrebbe non essere garantito regolare servizio sulle linee di trasporto lombarde di Trenord. Questo, poiché Rsu, 1A Pdm e 1B Pdb lamentano una variabilità della turnazione degli orari di lavoro, priva di un congruo preavviso. il 10 e l’11 luglio a rischio anche il servizio del personale della Società Tper in Emilia-Romagna. Il 25 luglio a fermarsi sarà invece il personale mobile di Trenitalia in Trentino-Alto Adige

Il settore aereo

Per quanto riguarda il trasporto aereo potrebbero esserci disguidi il 17 luglio, dalle 14:00 alle 18:00. A scioperare saranno: Unica, Filt-Cgil, Filt-Cisl, Uilt-Uil, Usb Lavoro Privato di EasyJet, la Rsa Ugl-Ta di Enav Acc Roma e la Rsu di Techno Sky Milano Linate.
I motivi sono da ricercare nella richiesta dei rappresentanti di categoria di un aumento salariale e di un’abolizione degli accordi sulla stagionalità. Inoltre, oggetto della contestazione sarebbero anche i licenziamenti, la precarizzazione del lavoro e la variabilità della programmazione oraria delle prestazioni.

 

Condividi questa notizia per primo

Scorri lateralmente questa lista

Seguici per rimanere aggiornato

Sostieni il nostro giornalismo