Vuoi la tua pubblicità qui?
27 Gennaio 2021

Pubblicato il

S.S. Lazio, Pioli in conferenza prima del Cagliari

di Redazione

Il tecnico biancoceleste ha analizzato la partita contro i sardi di Zeman, toccando vari argomenti

Stefano Pioli ha caricato i suoi in vista della partita al Sant’Elia contro il Cagliari, in programma domani alle ore 15.00 e valida per la 29esima giornata di Serie A. I biancocelesti inseguono la Roma e il sogno Champions, ma devono guardarsi le spalle da tutte le squadre che meditano vendetta. Sarà un match molto delicato: alle 12.30, infatti, andrà in scena all’Olimpico Roma-Napoli, scontro decisivo per le sorti della Classifica, senza considerare Fiorentina-Sampdoria, alle ore 18.30. La Lazio ha una sorta di match point per la fuga e per chiudere, o quasi, tanti discorsi. Ecco le parole del tecnico delle Aquile Pioli:

Vuoi la tua pubblicità qui?

"Partita fondamentale. Abbiamo perso Radu per una banalità, ma siamo pronti, attenti e concentrati. Le Nazionali sono già dimenticate". Sull'importanza della gara di domani: "Delicata quanto importnante, perché la prossima. Ragioniamo così. Il Cagliari è molto pericolosa come squadra, ma sappiamo le nostre potenzialità". 

Su Mauri: "Abbiamo lavorato tanto per avere unità di intenti. Stefano ha detto due cose importanti: la prossima gara è la più importante e che cerchiamo sempre di raggiungere chi è davanti a noi". 

Su Lulic: "E’ un giocatore importante e può giocare dall’inizio, ma servirà una grande prova, perché il Cagliari gioca un ottimo Calcio, verticalizza subito e dovremo stare attenti". 

Vuoi la tua pubblicità qui?

Sull'Europa: "Serve continuità, inutile parlarne ora, vedremo più avanti dove saremo".

Sui risultati degli altri: "Guardiamo a noi stessi. A fine partita vedremo i risultati degli altri, ma noi possiamo incidere solo sui nostri risultati. Questa è la nostra filosofia". 

Sull'entusiasmo: "Bisogna mantenere la testa bassa, lavorare ed essere umili, ma l’entusiasmo è fondamentale. Senza di quello non andremmo da nessuna parte". 

Su Zeman: "Un grande allenatore, ha rinnovato il Calcio, e i complimenti mi fanno piacere". 

Su Felipe Anderson: "Non è ancora al top della forma mentale e lui lo sa. Mi piace il fatto che non vorrebbe mai uscire dal campo". 

Sul campionato: "La gara importante è quella di domani, poi vedremo. Per me conta solo la gara di domani, capisco l'entusiasmo ma basta guardare la classifica per capire che ancora non abbiamo fatto niente. Siamo concentrati, domani proveremo a giocare da Lazio". 

Sulla formazione: "Non penso alla Coppa Italia".

Sull'Europa: "Vogliamo arrivare in fondo nelle due competizioni: vincere la Coppa Italia e arrivare in seconda posizione in Serie A. Ce la possiamo fare". 

Su Roma-Napoli alle 12.30: "Ci è capitato altre volte di giocare dopo, ma noi abbiamo il nostro modo di preparare le gare. Troveremo un ambiente carico, ma a livello di motivazione siamo pari. Non ci saranno distrazioni dalla gara delle 12.30". 

Vuoi la tua pubblicità qui?

Sulla sorpresa da trovare nell'uovo: "Vorrei solo vedere la mia Lazio, nulla di più”

 
Vuoi la tua pubblicità qui?

Sostieni il nostro giornalismo


Nessun commento