Vuoi la tua pubblicità qui?
Vuoi la tua pubblicità qui?
25 Maggio 2022

Pubblicato il

Piano trasporti

Roma, via libera alla funivia della Magliana e al tram Termini-Aurelio: il progetto

di Lorenzo Villanetti
La spesa complessiva per la funivia è di circa 30 milioni di euro. Tremila saranno i passeggeri previsti all'ora, per ogni senso di marcia
Progetto funivia Magliana (foto romamobilita.it)
Progetto funivia Magliana (foto romamobilita.it)

Come riportato da Il Messaggero, il Piano Urbano per la Mobilità sostenibile si avvia alla sua conclusione. Il progetto della funivia prevede tre stazioni. Una alla fermata Villa Bonelli del treno che va all’aeroporto, una a pizza Certaldo, e l’ultima alla stazione della Metro B, Eur Magliana.

Funivia della Magliana: 3mila passeggeri l’ora per ogni senso di marcia

La spesa complessiva è di circa 30 milioni di euro. Il percorso è di quasi un chilometro, e sarà coperto in circa quattro minuti e mezzo. Tre mila saranno i passeggeri previsti all’ora, per ogni senso di marcia. Cinquanta cabine, ognuna da dieci posti, saranno messe a servizio della funivia. I tempi per la messa in esercizio si aggirano sui quarantadue mesi: prima ci saranno i sondaggi geologici preliminari, il consueto iter amministrativo, cantiere e collaudi.

Tram Termini-Vaticano-Aurelio

Insieme al progetto di Casalotti, scompare anche quello del tram dei Fori. Restano invece quello TerminiVaticanoAurelio, quello che porterà alla stazione Tiburtina e il rifacimento del trenino della Casilina, quello giallo che oggi va dalle Laziali a Giardinetti.

Come spiegato da Enrico Stefano, ex presidente della Commissione Mobilità sotto la Giunta Raggi, e uno degli artefici di questo progetto, un capolinea sarà spostato su via Giolitti quasi di fronte l’ingresso della Stazione, l’altro sarà portato “prima al nuovo Rettorato di Tor Vergata poi, con il secondo lotto, fino a collegare la metro C a Torrenova”.

 

Condividi questa notizia per primo

Scorri lateralmente questa lista

Seguici per rimanere aggiornato

Sostieni il nostro giornalismo