14 Aprile 2021

Pubblicato il

Roma, raffica di arresti della Polizia per estorsione e droga

di Redazione

Operazione del Commissariato Tuscolano: 17 arrestiati, tra i quali anche una dipendente dell'Agenzia delle Entrate

Operazione Multiservice. Questo il nome dell’indagine della Polizia di Stato che ha portato all’emissione di 17 provvedimenti cautelari a carico di altrettante persone, tra le quali anche una dipendente dell’Agenzia delle Entrate. A interrompere il sodalizio criminale gli agenti del Commissariato Tuscolano, che al termine di una lunga e complessa indagine hanno accertato le illecite attività, che vanno dallo spaccio di sostanze stupefacenti all’associazione a delinquere finalizzata all’occupazione abusiva di immobili, dalle estorsioni fino alla messa in circolazioni di soldi falsi. 

Notevoli i guadagni accertati dagli investigatori. I dettagli dell’operazione saranno illustrati alle ore 11.00 odierne nel corso della conferenza stampa che si terrà presso la sala Prisco Palumbo della Questura, I piano.

                                                                  AGGIORNAMENTO

Nelle prime ore di questa mattina, gli agenti della Polizia di Stato del Commissariato Tuscolano, a conclusione di una complessa ed articolata indagine, hanno dato esecuzione a  17 provvedimenti cautelari emessi dal Giudice per le Indagini Preliminari del Tribunale di Roma su richiesta della Direzione Distrettuale Antimafia, a carico di persone operanti per lo più operanti nel territorio del “Tuscolano”, alcune delle quali già ampiamente conosciute dalle Forze dell’Ordine. Nello specifico si tratta di 6 custodie cautelari in carcere e 10 misure cautelari di arresti domiciliari per molteplici fattispecie delittuose: detenzione ai fini di spaccio di sostanza stupefacente, associazione ai fini di spaccio, associazione a delinquere finalizzata a commettere reati di occupazione abusiva di immobili di proprietà di enti pubblici, danneggiamento degli stessi immobili, cessione e messa in circolazione di banconote contraffatte ed estorsioni ai danni dei probabili beneficiari delle occupazioni abusive.

Tra i destinatari di dette misure si evidenzia un intero nucleo familiare che, agendo come vera e propria consorteria criminale, nel breve lasso di tempo delle indagini, ha gestito e coordinato le suddette  tipologie di attività illecite, impegnando in esse diversi soggetti. Nel contempo è stata eseguita una misura cautelare del divieto di dimora nel Comune di Roma a carico di una impiegata dell’Agenzia delle Entrate cui è stato contestato di aver  acceduto alla banca dati del predetto Ente al fine di rilevare quali fossero gli immobili liberi e di proprietà di enti pubblici per poi fornire tali dati agli appartenenti alla suddetta consorteria criminale.  Le attività in argomento producevano lauti guadagni, sia come corrispettivo ricevuto per le indebite “immissioni in possesso” – anche fino a  20.000 euro – che per le attività inerenti “lo smercio” delle sostanze stupefacenti – talvolta anche grossi quantitativi – con una convinzione di probabile totale impunità da parte degli attori criminali ed in particolar modo da parte di alcuni di essi che si muovevano quasi come in una gestione di impresa.

Basti pensare che in caso di arresti da parte delle Forze dell’Ordine i cosiddetti “galoppini” della droga venivano prontamente rimpiazzati al fine di non procurare perdite all’organizzazione. Oppure nel caso di intervento delle forze dell’ordine in flagranza di occupazione, immediate venivano avviate le attività di ricerca di altra idonea unità abitativa, così come nelle aspettative del futuro occupante. Precisa organizzazione è stata rilevata nelle attività di occupazione degli immobili che venivano individuati a seguito di illecite e compiacenti visure catastali e poi, con un protocollo ben definito e con l’ausilio di specifiche maestranze (fabbri), venivano prontamente occupati, qualora liberi, o addirittura, quasi in qualità di “agenzia immobiliare”, venivano gestite le promesse di liberazione da parte di precedenti occupanti, naturalmente dietro compenso, procurandosi così profitti illeciti ai danni di persone bisognose di un alloggio. Nel complesso l’attività di indagine ha portato all’iscrizione al registro di notizie di reato di  33 persone nonché all’arresto in flagranza di 5 persone. Al momento due destinatari dei provvedimenti eseguiti nella giornata odierna risultano ancora irreperibili.

 
Vuoi la tua pubblicità qui?

Sostieni il nostro giornalismo


Nessun commento