Roma, omicidio al Prenestino davanti ai bambini: ucciso un romeno

1

E' stato ucciso davanti a dei bambini, che erano insieme ai proprio genitori per trascorrere una soleggiata domenica di fine estate all'aria aperta, ignari di ciò che sarebbe accaduto. Il grave episodio si è verificato a Roma, nel parco di Villa De Sanctis, situato nel quartiere Prenestino, sul lato di via Giordani. A perdere la vita è stato Dumitrus Pradais, 52enne romeno, che alcuni testimoni hanno visto accasciarsi al suolo immerso in una pozza di sangue, dopo aver udito alcune urla.

Immediatamente sono giunti sul posto i sanitari del 118, che hanno provato invano a rianimarlo, e i Carabinieri della compagnia Casilina, i quali hanno esaminato con attenzione la scena del crimine. I militari, infatti, sono convinti che si tratti di omicidio, avendo notato che a pochi metri di distanza dal cadavere vi era un banchetto con diversi oggetti, potenzialmente contundenti. L'ipotesi più plausibile è che Pradais sia stato ucciso al termine di una violenta lite fra connazionali, causata da qualche parola di troppo dovuta alle eccessive dosi di alcol ingerite dai partecipanti al pic nic domenicale. Vi sarebbero, inoltre, i racconti di alcuni testimoni che hanno notato un gruppo di persone dileguarsi non appena la gente ha visto il corpo della vittima insanguinato. Sia i Carabinieri che la Polizia hanno avviato le ricerche degli assassini del 52enne romeno, ferito mortalmente alla spalla sinistra e alla schiena, probabilmente con un coltello.

In attesa che si faccia totale chiarezza su questo grave episodio, i residenti del quartiere protestano e lanciano l'allarme sulla sicurezza della zona, nella quale sono stati recentemente costruiti palazzi nei quali sono venuti ad abitare in prevalenza giovani coppie e anziani. Stando ad alcune testimonianze raccolta, c'è molta preoccupazione per il venir meno della sicurezza negli ultimi tempi. In particolare, i cittadini protestano per l'aumento di furti e per un elevato numero di persone dell'Est Europa che si recano al parco di Villa De Sanctis per alzare il gomito e drogarsi.