05 Agosto 2021

Pubblicato il

Roma, Nido Stella Stellina: lo stabile è inagibile

di Redazione
Dopo i topi arriva il responso della ASL: "Stabile inagibile, non rispettate le norme di legge"

La notizia della presenza di escrementi di topo all'interno del nido Stella Stellina e della scuola Emanuela Loi, e precisamente del locale utilizzato per il sonno dei bambini medio-grandi, è di due settimane fa.

In questi 15 giorni la situazione non è cambiata. Anzi, è peggiorata: ulteriori accertamenti effettuati dagli organi competenti della ASL Roma D hanno però disegnato un quadro di assoluta inagibilità dell'intero stabile, declassificando la presenza dei topi a problema minore.
Ce ne da comunicazione Marco Campitelli, esponente del Comitato DifendiAmo Roma del Municipio XI, che ha sottolineato come "la stessa stanza del sonno dei bimbi medio-grandi risulta non agibile per mancanza di superficie apribile".

Vuoi la tua pubblicità qui?

Preoccupante anche la situazione dei servizi igienici: "sono funzionanti 2 vasi igienici su 4; i materiali di consumo come carta e pannolini sono appesi ad attaccapanni per mancanza di mobilio adatto; sotto il lavello utilizzato del personale è presente un foro che mette in contatto con l’esterno. La lavatrice è fuori servizio addirittura da settembre ed esistono altri fori nel muro della lavanderia da cui i roditori possono tranquillamente entrare e uscire". 

La situazione, quindi, è a dir poco allarmante, nonché "totalmente fuori legge – tuona Campitelli –  non si rispettano i requisiti igienico-edilizi previsti dalle norme comunali. La derattizzazione che è stata effettuata nei giorni precedenti risulta inutile a fronte di questi problemi: bisogna infatti urgentemente provvedere all’eliminazione delle soluzioni di continuo rilevate sulle pareti. Al momento della verifica erano presenti circa la metà degli iscritti al Nido, la cui quotidianità quindi è a rischio igienico altissimo".

 
Vuoi la tua pubblicità qui?

Condividi questa notizia per primo

Scorri lateralmente questa lista

Seguici per rimanere aggiornato

Sostieni il nostro giornalismo