Vuoi la tua pubblicità qui?
03 Dicembre 2021

Pubblicato il

Roma. Le nuove Case dell’Acqua Acea, i nasoni del nuovo millennio

di Redazione
La "Casa dell'Acqua" nasce per offrire gratuitamente a cittadini e turisti acqua fresca di qualità, naturale o frizzante

Continua il programma d'installazione delle "Case dell'Acqua" Acea, moderni "nasoni hi-tech", che entro tre anni, in un numero di cento esemplari saranno distribuiti tra Roma e la sua Provincia. Oggi è stata la volta del mercato Laurentino, dove alle 11 è stato inaugurato, in via Francesco Sapori, il quinto moderno "nasone hi-tech" alla presenza del Direttore Pianificazione, Ingegneria e Lavori di Acea Ato 2 Giorgio Martino.

Vuoi la tua pubblicità qui?

L'inaugurazione della quinta "Casa dell'Acqua" è avvenuta successivamente a quella del primo prototipo, presso la sede Acea di piazzale Ostiense lo scorso 7 ottobre, quella del mercato di Magliana l'11 aprile, del mercato Appagliatore di Ostia il 17 aprile e, nella Provincia di Roma, del mercato di Pisoniano il 24 aprile. Ad oggi, il consumo totale di acqua dei quattro moderni "nasoni hi-tech", già in funzione, è stato di 63.597 litri, corrispondente ad una media di circa 852 litri giornalieri per nasone. Le caratteristiche che accomunano le prime "Case dell'Acqua" sono il progressivo notevole aumento del consumo idrico rispetto al primo periodo di funzionamento, e che il 70% circa dell'acqua erogata, pertanto prediletta dai cittadini del Comune di Roma e della Provincia, è quella frizzante. Si prosegue  nella diffusione di un messaggio d'attenzione all'uso consapevole della risorsa idrica, di rispetto dell'ambiente, del sociale e della cittadinanza, partendo dai luoghi più periferici e nevralgici della Capitale e della Provincia, come ad esempio i mercati, per arrivare a coprire tutto il territorio.

La "Casa dell'Acqua" nasce per offrire gratuitamente a cittadini e turisti acqua fresca di qualità, naturale o frizzante, con dosi da bicchiere o da un litro, per una portata garantita pari a circa 180 litri erogabili l'ora. Se ne parla come di un moderno "nasone hi-tech" poiché consente, mediante apposite porte usb, di ricaricare per strada il proprio cellulare, il tablet, qualsiasi strumento elettronico e, grazie alla presenza di uno schermo ad alta definizione, di fornire informazioni sul meteo, sul quartiere e notizie relative all'Acea e alle sue iniziative. Con le "Case dell'Acqua", a fronte di un'erogazione prevista di circa 60mila metri cubi d'acqua l'anno, si stima un risparmio di 1.800 tonnellate di bottiglie di plastica.

Vuoi la tua pubblicità qui?
 
Vuoi la tua pubblicità qui?

Condividi questa notizia per primo

Scorri lateralmente questa lista

Seguici per rimanere aggiornato

Sostieni il nostro giornalismo