Vuoi la tua pubblicità qui?
27 Gennaio 2023

Pubblicato il

Roma, funerali Biagio Sparapano: fuochi d’artificio, lanci di rose e caroselli fuori dalla chiesa

di Alice Capriotti
Il boss era conosciuto nel quartiere in quanto capo del clan del narcotraffico di Tor Bella Monaca, alleato con i Moccia e i Cordaro
Funerali del boss Biagio Sparapano

Oggi 2 dicembre si sono tenuti i funerali di un noto narcotrafficante di Tor Bella Monaca, Biagio Sparapano, capo del clan alleato con i Moccia e i Cordaro, legato alla cosca di ‘ndrangheta dei Gallace operativi anche a Nettuno.

Il funerale

Nella giornata di oggi il narcotrafficante, morto lo scorso 29 novembre, ha ricevuto ben due cerimonie nel quartiere Tor Bella Monaca della Capitale.

La prima vede la celebrazione dei funerali nella chiesa di Santa Maria Madre del Redentore. In occasione di questo gli invitati hanno lanciato rose, e hanno assistito ad uno spettacolo di fuochi d’artificio. Il clan il giorno prima del funerale, in segno di rispetto alla famiglia, aveva raccolto i fondi per comprare corone di fiori e i fuochi, che sono stati sentiti fino agli uffici del Municipio.

Il funerale di Casamonica

Secondo le direttive della Questura di Roma questa tipologia di cerimonie sono proibite dal 2015, quando furono celebrati i funerali di Vittorio Casamonica nel quartiere Don Bosco. Il boss ebbe una cerimonia simile, venne portato in carrozza, anche allora vi furono petali di rosa. Ma non solo erano presenti anche elicotteri e una banda che suonava la colonna sonora de “Il Padrino”.

La seconda cerimonia

La seconda cerimonia invece è avvenuta sotto la Torre Ater, dove abitava lo stesso Sparapano. A questa erano presenti gli amici stretti del boss, tutti in fila con la macchina. Al segnale sono partiti in fila indiana, suonando i clacson, e sono entrati nel parcheggio pubblico del condominio. Una volta arrivati sotto il balcone del boss, continuando a suonare i clacson, hanno lanciato altri petali di rosa.

Le vetture erano seguite da 15 vedette del clan che hanno cominciato a suonare petardi e sparare fumogeni, seguite da canzoni neomelodiche, poi cori e applausi. Un residente dichiara: “Sembrava una scena del film Romanzo Criminale, ho provato la stessa sensazione”. Chiara ostentazione del controllo che Sparano aveva sul quartiere romano.

Le parole del presidente Franco

Il presidente del VI Municipio, Nicola Franco, dichiara: “Io da tempo chiedo un commissariato e una caserma nuovi anche a Castelverde, il lavoro delle forze dell’ordine è straordinario ma non basta”. Infine circa i fuochi ha affermato: “Questi episodi sono segnali di come sia forte la criminalità perché sono un simbolo della presenza dei boss e della loro padronanza sul territorio”.

Inoltre Maricetta Tirrito, portavoce del Cogi (comitato collaboratori di giustizia) sottolinea: “È un atteggiamento socialmente pericoloso, in questo modo il clan dimostra che continuerà a esser forte sul territorio”.

 
Vuoi la tua pubblicità qui?

Condividi questa notizia per primo

Scorri lateralmente questa lista

Seguici per rimanere aggiornato

Sostieni il nostro giornalismo