17 Settembre 2021

Pubblicato il

Incidente in via Aurelia

Roma, crolla il pavimento in ambulatorio: una donna ferita in modo grave

di Chiara Fedeli
Sul luogo sono accorsi i Carabinieri, Vigili del Fuoco e il personale della Asl
L'intervento dei Vigili del Fuoco sul luogo dell'incidente
L'intervento dei Vigili del Fuoco sul luogo dell'incidente

A Roma due donne sono rimaste ferite (delle quali una in modo grave) nel crollo di un pavimento all’interno di un ambulatorio specialistico in via Aurelia 475. L’incidente è avvenuto attorno alle 12:15.

Le due donne sono quindi finite nei locali sottostanti, dove erano in corso alcuni lavori di ristrutturazione. La donna ferita in modo grave, di 38 anni, è stata trasportata d’urgenza all’ospedale San Camillo, ma non sarebbe, da quanto si apprende, in pericolo di vita. L’altra donna coinvolta ha 34 anni.

Vuoi la tua pubblicità qui?

Nel locale sottostante (una palestra) due operai, di 71 e 37 anni, rispettivamente di nazionalità italiana e romena, sono rimasti illesi. Da chiarire le dinamiche dell’incidente. In base a una prima ricostruzione gli operai stavano abbattendo alcuni manufatti, quando all’improvviso il pavimento è crollato. In corso le indagini.

Le due donne rimaste coinvolte nel crollo del pavimento, a quanto si apprende, pare fossero due impiegate del poliambulatorio. All’arrivo dei soccorritori le altre persone presenti avevano già abbandonato autonomamente la struttura. Sul posto sono intervenuti, oltre ai Carabinieri, anche i Vigili del fuoco, il 118 e il personale di Roma Capitale. Il locale sottostante dove erano in corso i lavori di ristrutturazione è una palestra. (Ago/ Dire)

Sul luogo sono accorsi tempestivamente i Carabinieri di Madonna del Riposo insieme ai colleghi della Compagnia San Pietro, i Vigili del Fuoco e il personale della Asl. Le due donne sarebbero due impiegate del poliambulatorio, l’intero locale è ora posto sotto sequestro.

 
Vuoi la tua pubblicità qui?

Condividi questa notizia per primo

Scorri lateralmente questa lista

Seguici per rimanere aggiornato

Sostieni il nostro giornalismo