12 Aprile 2021

Pubblicato il

Roma, baby prostitute, sesso e cocaina

di Redazione

Le prostitute minorenni dei Parioli probabilmente avevano alle loro spalle una rete di spacciatori

Allora non era un caso isolato quello delle due ragazzine romane di 14 e 15 anni prostitute con la benedizione della madre di una di loro. Probabilmente il giro di prostituzione era molto più ampio e prevedeva un affare di sesso e droga come succede spesso in questi casi. La cocaina oltre tutto serviva anche a superare le incertezze, i dubbi, di chi vedendo le ragazze minorenni poteva tirarsi indietro. Le indagini raccontano di un giro di prostituzione e droga allargato ad altre città e che coinvolgerebbe anche donne adulte.

Le parole di Mirko Ienni, uno degli arrestati, che ha dichiarato agli inquirenti di non sapere della minore età delle ragazze e che riteneva fossero studentesse universitarie, sono state smentite da una delle minorenni: "Faceva finta di non sapere che fossimo minorenni". Sono nove le persone iscritte nel registro degli indagati per il reato di prostituzione minorile e rischiano fino a sei anni di carcere e ancora peggio potrebbe andare per Mirko Ienni, Nunzio Pizzacalla e Mario De Quattro, i tre sfruttatori in carcere insieme con la madre di una delle due ragazzine.

 
Vuoi la tua pubblicità qui?

Sostieni il nostro giornalismo


Nessun commento