23 Giugno 2021

Pubblicato il

Roma, arrestati rapinatori seriali a San Giovanni

di Redazione

Negli ultimi messi zio e nipote avevano preso di mira farmacie e supermercati tra i quartieri Appio e San Giovanni

Avevano messo a segno negli ultimi mesi numerose rapine ai danni di vari esercizi commerciali tra i quartieri Appio e San Giovanni. Farmacie e supermercati sono stati gli obiettivi di 2 rapinatori – zio e nipote – romani, entrambi con diversi precedenti di Polizia.

Ad individuare ed interrompere la loro attività criminale sono stati gli agenti della Polizia di Stato; ad indagare sui diversi episodi sono stati gli investigatori del Commissariato San Giovanni. I poliziotti – coordinati dal dr. Giancarlo Sant’ Elia – sono riusciti, al temine di accertamenti e verifiche ad individuare i responsabili delle diverse rapine.

Sei quelle certamente attribuibili ai due arrestati: 4 di queste ai danni di altrettante farmacie e 2 ai danni di supermercati. Determinanti per il positivo esito delle indagini gli ultimi 2 colpi messi a segno sabato scorso dai malviventi, in due farmacie di via Gabi e via Etruria.

Anche con la collaborazione degli agenti del Commissariato Tuscolano è stato così possibile chiudere il cerchio nei confronti dei 2 autori degli eventi criminosi. Le responsabilità dei due – poi identificati per A.D. 24enne romano e suo zio D.R. di 47 anni – sono anche state suffragate dalle testimonianze delle vittime, oltre che dalle riprese delle telecamere di video-sorveglianza installate negli esercizi commerciali.

Le successive perquisizioni presso le loro rispettive abitazioni hanno permesso di recuperare l’arma usata nelle rapine, ovvero una replica di una pistola a tamburo, i giubbotti ed i caschi, oltre ai 2 scooter rubati utilizzati per le fughe. Sono in corso da parte degli investigatori ulteriori indagini per accertare le responsabilità dei due uomini in altre rapine.

 

 
Vuoi la tua pubblicità qui?

Condividi questa notizia per primo

Scorri lateralmente questa lista

Seguici per rimanere aggiornato

Sostieni il nostro giornalismo


Nessun commento