Roma, alunni disabili e trasporti inefficienti: servono soluzioni

2

Più di quattromila bambini con disabilità rimasti senza scuolabus

Il servizio di trasporto scolastico per i ragazzi con disabilità, gestito dalla Società Tundo, è nuovamente nel caos e danneggia il diritto allo studio di migliaia di giovani.

Da ieri, il servizio di mobilità speciale garantito dal Comune di Roma è fermo e provoca un profondo disagio che colpisce migliaia di studenti e famiglie: si registra un totale di 5 mila persone, con disabilità, che utilizza quotidianamente i servizi di trasporto pubblico sia della Tundo che del Gruppo Arriva.

Un disagio determinato, da quanto dichiarato dalla Cgl e dalla Filt Cgl di Roma e del Lazio, da svariate cause in cui rientrano: il mancato rifornimento del carburante, la carenza del personale e la scopertura assicurativa dei pullman.

L’amministrazione capitolina sta cercando soluzioni e si dichiara al fianco dei cittadini e delle tante famiglie che stanno subendo le conseguenze di questa spiacevole situazione. Si promette l’impegno senza sosta per difendere e garantire i diritti fondamentali come quelli allo studio, alla mobilità e al lavoro. Per arrivare a un esito positivo della vicenda è attualmente in atto una stretta interlocuzione con i sindacati, nella consapevolezza delle forti difficoltà affrontate anche dai lavoratori della società stessa.