30 Luglio 2021

Pubblicato il

Roma 2024, c’è chi dice no

di Redazione

Al via la raccolta firme da parte dei radicali italiani per chiedere un referendum su Roma 2024. Emma Bonino tra i primi firmatari

Dopo aver presentato un accurato dossier con cui si oppongono alla decisione di tenere le Olimpiadi del 2024 a Roma, i Radicali italiani danno ufficialmente il via a una raccolta firme per chiedere al premier Matteo Renzi e al commissario straordinario di Roma Capitale Francesco Paolo Tronca di indire un referendum, lasciando così ai cittadini l’onere e l’onore di pronunciarsi in merito. Ad Amburgo, i “no” hanno vinto con il 52% dei voti. Non solo: a Boston, il comitato dei no ha spinto l’amministrazione a fare un passo indietro.

Vuoi la tua pubblicità qui?

Tra i primi firmatari anche gli stessi Radicali che, nella sede di via dell’Umiltà della stampa e alla presenza di un autenticatore come richiede la legge, hanno apposto il loro autografo. Si tratta di Emma Bonino, Riccardo Magi, Alessandro Capriccioli e Oliviero Beha.

Dopo che il quesito sarà depositato in Comune, il Campidoglio avrà un mese di tempo per far conoscere il proprio parere.

 
Vuoi la tua pubblicità qui?

Condividi questa notizia per primo

Scorri lateralmente questa lista

Seguici per rimanere aggiornato

Sostieni il nostro giornalismo


Nessun commento