Vuoi la tua pubblicità qui?
30 Gennaio 2023

Pubblicato il

Reddito di cittadinanza: insufficiente ma doveroso. E andrebbe rafforzato

di Federico Zamboni
L’INPS comunica i dati aggiornati all’8 ottobre: quasi un milione i beneficiari, pari al 65% dei richiedenti, e con importi medi poco al di sotto dei 500 euro mensili

Gli iper liberisti inorridiscono per motivi, diciamo così, concettuali: concettuali per un verso, viscerali per l’altro. I liberali agiati e supponenti, alla Vittorio Feltri, procedono al contrario: prima storcono il naso d’istinto, perché per loro i poveri sono per lo più dei lazzaroni e, in quanto tali, gli stanno pesantemente sulle balle; poi magari ci ricamano su una spiegazione teorica. O presunta tale.

Agli uni e agli altri, comunque, il reddito di cittadinanza è rimasto sul gozzo. Perché lo ritengono una regalia indiscriminata, che distribuisce soldi anche a chi non se li merita. Soggetti (poco raccomandabili) che evidentemente non si sono impegnati a sufficienza per studiare o per imparare un mestiere e che, in ogni caso, non fanno abbastanza per trovarsi un lavoro e poi per tenerselo. Il che è davvero strano e deprecabile, quando tutto intorno ci sono così tante opportunità in settori fiorenti come la consegna di cibo a domicilio e l’impacchettamento frenetico in stile Amazon…

Prese le distanze da questi censori da salotto, il reddito di cittadinanza nella versione M5S si può invece criticare per ragioni opposte.

Primo: perché in realtà utilizza indebitamente una denominazione errata. L’autentico “reddito di cittadinanza”, come spiegammo nel gennaio scorso sul Quotidiano del Lazio, è una misura completamente diversa. Che non è destinata ai meno abbienti, ma compete a tutti i cittadini: proprio in quanto cittadini.

Semplificando molto, si può dire che è una sorta di dividendo sul PIL. Al di là delle attività individuali, che determinano il maggiore o minore reddito personale, si è compartecipi dell’economia nel suo complesso. E quindi anche, in minima parte, dell’intera ricchezza che ne deriva.

Al di là dei suoi meriti, e della sua obiettiva necessità, quello partorito dai Cinquestelle è invece una riedizione dei classici sussidi per le fasce disagiate. Meglio questo che niente, ma la logica sulla quale ci si incardina è di tutt’altra natura.

Il secondo motivo di critica non è un vero e proprio addebito, considerato lo stato delle finanze pubbliche, ma un auspicio. E però un auspicio pressante, a mille miglia da quelli benevoli a chiacchiere, ma inconcludenti all’atto pratico, che riempiono i sermoncini di innumerevoli politici.

Gli attuali importi mensili sono infatti troppo bassi e non bastano a sollevare i percipienti dalla loro condizione di povertà, per non dire di indigenza.

Su questo bisogna essere estremamente chiari: l’obiettivo di uno Stato-Comunità non è dare un minimo di aiuto ai cosiddetti “meno fortunati”, ma affrontare la povertà alla stregua di un vizio intollerabile dell’intero sistema economico e sociale.

Guarda caso, un approccio agli antipodi sia degli iper liberisti da accademia, sia dei liberali danarosi con la puzza sotto il naso.

 
Vuoi la tua pubblicità qui?

Condividi questa notizia per primo

Scorri lateralmente questa lista

Seguici per rimanere aggiornato

Sostieni il nostro giornalismo