16 Luglio 2021

Pubblicato il

Professoressa si sente male in casa, dopo 48 ore gli studenti la salvano

di Redazione

Nel Napoletano, i ragazzi si sono preoccupati per l'assenza improvvisa della docente disabile

La professoressa si sente male a casa, gli studenti si preoccupano e dopo 48 ore vanno a cercarla a casa trovandola agonizzante: la portano in ospedale e la salvano.

E’ la bellissima storia riportata stamattina dal quotidiano Metropolis, che racconta la vicenda di una docente di 50 anni dell’istituto Cesaro di Torre Annunziata (Napoli).
Tra l’insegnante, che è disabile per problemi motori, e gli studenti, si era creato un legame speciale. La sua assenza, senza nessun preavviso e di alcuni giorni, aveva messo in allarme i ragazzi.

Vuoi la tua pubblicità qui?

La prof molto difficilmente si assentava da scuola, soprattutto senza avvisare i suoi studenti, così, dopo due giorni di interrogativi e preoccupazioni, i ragazzi hanno deciso di andarla a cercare direttamente a casa, spostandosi da Torre Annunziata, dov’è la scuola, a Vico Equense, in costiera sorrentina, dove vive la professoressa.

Non ricevendo alcuna risposta al citofono, i giovani hanno deciso a quel punto di chiamare i carabinieri. L’irruzione nell’abitazione ha consentito di scoprire che la donna era a terra, priva di sensi a causa di un malore, e non riusciva a muoversi. Immediati i soccorsi e il trasferimento in ospedale. Per fortuna, la professoressa è riuscita a superare il brutto momento e adesso è tornata a casa.

Una bellissima vicenda, che testimonia un amore e un rispetto che ormai sembrava perduto nei confronti gli insegnanti: “Le sue lezioni sono racconti nei quali ci presenta ogni giorno un personaggio diverso, come se lo avessimo con noi in aula”, spiega Alfonso, uno dei suoi studenti. Ora, dopo averle salvato la vita, i ragazzi aspettano la loro professoressa in classe: “Speriamo torni presto” dicono.

 
Vuoi la tua pubblicità qui?

Condividi questa notizia per primo

Scorri lateralmente questa lista

Seguici per rimanere aggiornato

Sostieni il nostro giornalismo


Nessun commento