12 Aprile 2021

Pubblicato il

Pesce avariato al mercato Esquilino. Multe per 180mila euro

di Redazione

Pesce avariato o con presenza di parassiti, nonché impossibilità di tracciare la provenienza della merce ittica

Da questa mattina, una task force comporta di 40 persone – tra Polizia di Roma Capitale, Aequa Roma, Asl e Inps – sta effettuando dei controlli a tappeto sui banchi del pesce del mercato Esquilino di piazza Vittorio: un'operazione di contrasto alle irregolarità contributive e fiscali ed erariali, e per verificare il rispetto delle norme igienico-sanitarie.

Nel corso dell'operazione, sono state riscontrate numerose irregolarità relative alla qualità dei prodotti: casi di pesce avariato o con presenza di parassiti, nonché mancanza della tracciabilità di alcuni prodotti. Per questo, è stata sequestrata merce ittica per circa una tonnellata, parte della quale destinata alla distruzione e altra parte – quella oggetto di sola confisca per irregolarità amministrative, ma di buona qualità – devoluta alla Caritas e a enti benefici.

Gli accertamenti sulla titolarità di alcune delle attività di vendita, inoltre, hanno evidenziato che diversi banchi del mercato fanno capo alla medesima persona extracomunitaria. Interdetta la vendita ad alcuni banchi, numerosi inviti presentati per la mancanza di documenti nei punti vendita. Trovati alla vendita almeno 50 kg di granchi che notoriamente sono utilizzati nella cucina cinese, la cui comunità ha festeggiato il suo carnevale domenica scorsa. Oltre ai granchi, numerosi prodotti sono risultati senza scatola, quindi senza etichetta e tracciabilità dei quali, quindi, non è possibile garantire la provenienza e la qualità. 

Sono state infine irrogate per un totale di 180mila euro e 8 persone sono state invitate a produrre documentazione mancante all''tto dei controlli. Trovati inoltre 7 lavoratori in nero presso altrettante attività e 9 lavoratori con contratti di lavoro irregolari, ossia che non rispecchiano la realtà lavorativa del soggetto. 

 
Vuoi la tua pubblicità qui?

Sostieni il nostro giornalismo


Nessun commento