Vuoi la tua pubblicità qui?
24 Gennaio 2021

Pubblicato il

Ostia, presunto attentato incendiario: colpito locale Quore Matto

di Redazione

Dell'associazione Quore Matto è vicepresidente il consigliere municipale del PD Giovanni Zannola

“Attentato incendiario contro locale consigliere Pd Ostia non ci spaventa lavoriamo per estirpare mafia da Ostia”. L’annuncio viene dato su Twitter dal senatore dem Stefano Esposito.

Vuoi la tua pubblicità qui?

Un tentativo di incendio doloso, sembrerebbe almeno stando alle prime indiscrezioni. “In attesa dei risultati delle indagini che stanno svolgendo gli agenti del commissariato Lido di Ostia, manifesto preoccupazione per il tentativo di incendio doloso, avvenuto la scorsa notte sul lungomare Paolo Toscanelli a Ostia, ai danni dell’associazione culturale Quore Matto, di cui è vicepresidente il consigliere municipale del PD Giovanni Zannola”, dice il presidente del Municipio X Andrea Tassone.

Vuoi la tua pubblicità qui?

Solidarietà a Zannola e al presidente dell’associaizone Fabrzio Nikzad non solo da parte di Tassone, ma anche da parte dello stesso Esposito, secondo il quale questo atto – qualora fosse confermato come intimidatorio – confermerebbe “il clima di intimidazione che regna ad Ostia”.

Vuoi la tua pubblicità qui?

Di infiltrazione mafiosa a Ostia parla anche Marco Miccoli, deputato PD. “È un atto barbaro e inquietante in un Municipio dove l’infiltrazione mafiosa è forse la più consistente della Capitale. Le autorità competenti facciano chiarezza al più presto sulle dinamiche dell’accaduto e, soprattutto, garantiscano la sicurezza a chi all’interno delle forze politiche e sociali del Municipio costituisce un presidio contro il malaffare. A Giovanni Zannola e ai democratici del X Municipio va tutta la mia vicinanza e solidarietà”, dice Miccoli.

Agli attestati di vicinanza si è unito anche il consigliere capitolino dem Francesco D’Ausilio. “È necessario fare al più presto piena luce sulla natura e sugli obiettivi dell’atto incendiario. Non voglio giungere a conclusioni affrettate, non spetta a noi, ma agli inquirenti”. 

 
Vuoi la tua pubblicità qui?

Sostieni il nostro giornalismo


Nessun commento