Vuoi la tua pubblicità qui?
29 Settembre 2020

Pubblicato il

La testimonianza

Omicidio Colleferro, ecco l’audio della telefonata al 112 per soccorrere Willy

di Redazione

Willy Monteiro, l'audio della prima chiamata al 112, un ragazzo con un tono preoccupato e concitato chiede presto soccorsi: "ragazzo è stato menato"

Willy audio 112
Willy Monteiro Duarte

L’audio della prima chiamata al 112 dopo il pestaggio che ha ucciso Willy Monteiro è impressionante e drammatico, un ragazzo chiede aiuto implorando che i soccorsi arrivino presto. Fornirà elementi utili alle indagini per scoprire orari e movimenti precisi relativi ai fatti.

Intanto, sabato 12 settembre si svolgeranno a Paliano, la città in cui risiedeva, i funerali di Willy Monteiro Duarte, ucciso nella notte tra 5 e 6 settembre a Colleferro in una rissa che stava tentando di sedare. Mercoledì l’Istituto di Medicina Legale dell’Università di Tor Vergata ha svolto l’autopsia, rilevando le molteplici fratture e lesioni agli organi che hanno condotto all’arresto cardiaco.

Willy a terra, l’audio del 112

Questo l’audio della prima chiamata effettuata al 112 dopo il pestaggio, chiamata che purtroppo non è servita a salvare il 21enne. Un ragazzo con tono concitato e con voce preoccupata chiede soccorsi subito “C’è un ragazzo che è stato menato”.

Willy faceva il cuoco, amava il calcio, aveva amici, desideri e progetti. Ma quella chiamata non è bastata a salvarli.

Gli indagati

Tre degli indagati, i fratelli Marco e Gabriele Bianchi e Mario Pincarelli intanto restano in carcere nel penitenziario di Rebibbia, mentre Francesco Belleggia ha ottenuto gli arresti domiciliari. I Bianchi dichiarano di “Non aver nemmeno toccato Willy” e di essere intervenuti nella rissa già in corso come pacieri.

Diversa la versione di Belleggia: “I Bianchi mi dissero di tacere”, ha detto al gip, forse un patto di silenzio che i quattro avrebbero stretto in auto, forse dopo la rissa.

Vuoi la tua pubblicità qui?

I quattro, scrive Ansa, sono tutti accusati di omicidio preterintenzionale in concorso. Alla luce degli elementi raccolti e delle testimonianze, le accuse potrebbero aggravarsi in omicidio volontario. Inoltre, potrebbero subentrare nuovi indagati, coinvolti nel pestaggio omicida, la loro posizione è al vaglio degli inquirenti.

 
Vuoi la tua pubblicità qui?

Sostieni il nostro giornalismo


Nessun commento