Nocera Inferiore, si incatena al tribunale per far arrestare il figlio

0
1

La madre di un trentenne tossico dipendente e affetto da problemi psichici si è incatenata davanti al tribunale di Nocera Inferiore, in provincia di Salerno per chiedere l'arresto immediato del figlio, che la minaccia di morte da anni. Proprio ieri, racconta la donna, il ragazzo si è introdotto in casa della donna per far esplodere l'intero condominio, forse manomettendo gli impianti del gas. 

La madre grida che se le forze dell'ordine non lo fermeranno lei sarà presto morta. Una storia di disagio sociale e famigliare davvero profonda e sconcertante, perché mette in qualche modo in discussione quei legami biologici che passano tra un genitore e un figlio. 

Il ragazzo ha precedenti penali per più di una rapina ad Angri e più volte la madre lo ha denunciato per maltrattamenti. 

 

Leggi anche: 

5G, la nuova iperconnessione sperimentale pericolosa per la salute

Rifiuti, Raggi e Zingaretti si rimpallano responsabilità su indicazione sito