Vuoi la tua pubblicità qui?
18 Settembre 2020

Pubblicato il

Roma, Municipio I: l’asilo di via Bucchi non è ancora in sicurezza

di Redazione

Il muro di confine della struttura, da tempo crollato, non è più stato rimesso in sicurezza

“Da due anni l’asilo nido Maggiolino di via Novenio Bucchi è in totale emergenza – denunciano in una nota i consiglieri Stefano Erbaggi e Gabriele Sarrocchi, di Movimento Cuori Italiani.

Il muro di confine della struttura, da tempo crollato, secondo quanto segnalano Erbaggi e Sarrocchi, non è più stato rimesso in sicurezza, mentre “Comune e Giunta del Municipio I non hanno alzato un dito per risolvere la questione”. 

“Non è possibile attendere oltre – proseguono Erbaggi e Sarrocchi – soprattutto se consideriamo che quotidianamente l’asilo è frequentato da molti bambini e che mattoni e materiali sono stati lasciati incustoditi nel giardino, impedendone la piena fruizione da parte dei bambini stessi. In campagna elettorale, il sindaco Marino aveva detto di voler fare di Roma una città a misura di bambino. Ad oggi, i bambini dell’asilo Maggiolino devono fare i conti con un muro caduto e mai risistemati e con mattoni e materiali edili nel proprio giardino”.

Vuoi la tua pubblicità qui?

La scuola di via Bucchi, purtroppo però, non è nuova a questo genere di segnalazioni. Già nel 2007, come dimostra un video amatoriale diffuso su YouTube (https://www.youtube.com/watch?v=uzurz3Z-vno), la zona limitrofa al nido versava – “da un anno” come puntualizza chi ha girato il documento –  in condizioni indecenti. Sporcizia, degrado ed odori nauseanti, giacigli di fortuna per senza tetto, si trovavano all’esterno del muro di confine oggi crollato, mentre al suo interno veniva denunciata la presenza di topi. Il tutto, lo ripetiamo, sin dal 2006. Siamo nel 2015, dopo quasi 10 anni dal girato e l’avvicendarsi di diverse amministrazioni, la nuova allarmante denuncia di Erbaggi e Sarrocchi testimonia qualcosa in più della “totale emergenza” bensì come questa sia oramai una questione cronica. 

 
Vuoi la tua pubblicità qui?

Sostieni il nostro giornalismo


Nessun commento